Navigation

Tre tempeste invernali in venti giorni: perché?

Telone di camion divelto in Nord Reno-Westfalia. Keystone

In Europa, il passaggio della tempesta Friederike ha causato danni, disagi, 10 morti e il ferimento di decine di persone. Ma perché questa frequenza di tempeste invernali? Il TG della RSI ha chiesto lumi a MeteoSvizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 gennaio 2018 - 13:45
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.01.2018)

Il Paese più colpito è la Germania. Ma le raffiche di vento fino a 200 chilometri orari, le forti piogge, la neve e la grandine hanno perturbato il traffico, danneggiato abitazioni e causato black-out anche in Francia, Paesi Bassi, Belgio e Regno Unito.

Burglind, Evi, Friederike: è la terza tempesta invernale dall'inizio del 2018. Un fenomeno insolito, e che non ha risparmiato la Svizzera. Perché una così alta frequenza?

Contenuto esterno

È colpa del prolungato divario termico tra le regioni del centro Atlantico e del Mare del Nord.

"Solitamente non capita che queste differenze di temperature rimangano stabili per un lungo periodo", osserva il meteorologo Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzeraLink esterno, intervistato dal TelegiornaleLink esterno della Radiotelevisione svizzera RSI.

"Quando capita tra queste due regioni, si creano delle correnti molto intense nell'alta atmosfera che riescono a far passare una dopo l'altra le tempeste verso l'Europa centrale. Normalmente queste tempeste si spostano piuttosto a nord".

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.