Navigation

Aiuti svizzeri per i rifugiati di Lesbo

L'inverno si avvicina e anche in Grecia può far freddo. Così la Confederazione ha deciso di inviare a Lesbo 600 tende per 3000 persone che potranno così superare i freddi mesi invernali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 21:06
Una collaboratrice della DSC prepara il materiale da inviare a Lesbo. Keystone / Adrian Reusser

La Svizzera intende migliorare la situazione dei profughi in Grecia inviando sul posto tende. L'operazione è coordinata dalla Direzione dello sviluppo e della cooperazioneLink esterno.

Circa 600 tende adeguate per l'inverno, sufficienti per 3000 persone, sono attualmente in viaggio verso l'isola di Lesbo, indica il Dipartimento federale degli affari esteriLink esterno in una nota odierna. Le forniture comprendono anche coperte e tappeti isolanti.

Le tende serviranno a ingrandire il centro di transito di Moria, dove condizioni molto difficili attendono 13'000 rifugiati, dato che l'infrastruttura del campo era inizialmente prevista per 3500 persone.

La settimana scorsa erano stati inviati in Grecia Link esterno500 letti e materassi provenienti dagli stock del Dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.