Navigation

"Frontiere sotto pressione"

Guy Parmelin tvsvizzera

Il ministro della difesa svizzero non esclude l'invio di militari alle frontiere e ricorda: "decisione del Governo a breve"

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2016 - 15:17

La pressione dei migranti alle frontiere svizzere è sempre più forte e Guy Parmelin ne è consapevole. Sulla stampa d'Oltralpe, il ministro della Difesa svizzero ricorda che : "I rapporti che riceviamo dai servizi competenti sono relativamente inquietanti. Anche se la via dei Balcani è chiusa ci si aspetta un flusso di gente proveniente dal Mediterraneo".

Per far fronte a questa situazione il consigliere federale ricorda che: "La Confederazione deve stabilire se occorra inviare o meno soldati alle frontiere per gestire un'eventuale forte afflusso di migranti...; il Consiglio federale prenderà una decisione in tal senso entro 15 giorni".

"Un eventuale dispiegamento di uomini richiede un coordinamento tra la Segreteria di Stato della migrazione, il corpo delle guardie di confine, la polizia e i cantoni", aggiunge Parmelin, che in merito sottolinea: "Prima di prendere una decisione in tal senso, il Governo deve definire chiaramente i compiti dei militari per un'eventuale mobilitazione, e anche la durata di quest'ultima".

ATS/bin

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.