Navigation

Ucraina un anno dopo Maidan

Un anniversario doloroso, in un Paese ancora alle prese con i combattimenti nell'Est, malgrado il cessate il fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2015 - 13:26

In Ucraina, è passato un anno da quando l'allora presidente filorusso Viktor Ianukovitch ordinava la repressione delle proteste di Piazza Maidan. Un bagno di sangue ancora senza colpevoli conclusosi con la morte di circa 100 manifestanti. Un anniversario doloroso dunque, in un Paese che continua ad essere alle prese con i combattimenti nell'est, malgrado il cessate il fuoco in vigore.

I separatisti hanno consolidato le loro posizioni a Debaltsevo. Mentre verso le loro due roccaforti, Donetsk e Lugansk, puntano i camion, da cui sventolano le bandiere russe. Non sono carichi di armi, ma di cibo. Perché l'est dell'Ucraina non è soltanto a rischio di guerra, ma anche di catastrofe umanitaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.