Navigation

Turchia - Ue, prove di avvicinamento

Le difficoltà restano. L’Unione Europea chiede un ammorbidimento della legge anti-terrorismo e progressi nel campo dei diritti umani. Erdogan è contrario

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 settembre 2016 - 20:44

Tra Unione Europea e Turchia ci sono stati dei tentativi di riavvicinamento. Federica Mogherini è volata ad Ankara. E si è trattato della prima visita di un responsabile di alto rango dell'UE dopo il fallito colpo di Stato dello scorso 15 luglio. E oggi ad Ankara per ricucire i rapporti c'era anche il segretario della NATO, Stoltenberg.

Ma le divergenze restano. L'Unione Europea chiede un ammorbidimento della legge anti-terrorismo e progressi nel campo dei diritti umani. Erdogan, invece, è sempre impegnato a spazzare via la presunta rete golpista, con altre migliaia di sospensioni e arresti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.