Sintomi persistenti Il premier britannico Johnson è in ospedale

Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato ricoverato domenica in ospedale "per esami", dieci giorni dopo essere risultato positivo al coronavirus. Lo ha riferito la BBC la sera stessa, poco dopo aver trasmesso un discorso di Elisabetta II, il quarto in 68 anni di regno.

Grande edificio con scritta Hospital e, davanti, transenne e poliziotti che presidiano.

La struttura londinese nella quale è verosimilmente ricoverato il premier.

Keystone / Andy Rain

A quanto si apprende, Johnson non aveva superato in questi giorni i sintomi, continuando a manifestare febbre e tosse persistenti. "Su consiglio del suo medico" è quindi entrato in ospedale, ha annunciato una portavoce di Downing Street, come "misura precauzionale". Il primo ministro ringrazia il personale del servizio sanitario nazionale britannico e "sollecitaLink esterno la popolazione a continuare a seguire la raccomandazione del governo di stare in casa". 

Boris Johnson avrebbe ricevuto ossigeno, dopo il ricovero. Lo scriveva lunedì il Times, non confermando per contro che il primo ministro fosse stato indirizzato in un reparto di terapia intensiva, come indicato da vari media russi.

Un trasferimento in terapia intensiva è poi avvenutoLink esterno nello stesso pomeriggio di lunedì, in seguito a un peggioramento delle condizioni del 55enne.

Il ministro degli Esteri Dominic Raab è subentrato a Johnson per esercitare la supplenza. 

Il discorso della regina

Dagli schermi della tv, Elisabetta II ha incoraggiato domenica i suoi sudditi di fronte alla più grave avversità che incombe sul Regno Unito e sul mondo dalla Seconda guerra mondiale, e rivolto un appello "all'autodisciplina" e alla determinazione di fronte alla "crescente difficoltà", "un tempo di sconvolgimento nella vita del nostro Paese", "che portato dolore ad alcuni, problemi finanziari a molti ed enormi cambiamenti alla vita quotidiana di tutti". 

Un'epidemia che porterà altri lutti: mentre la monarca pronunciava il suo discorso, il numero di persone morte dopo aver contratto il Covid-19 nel Regno Unito sfiorava ormai 5'000.

Dal Castello di Windsor -dove si trova per precauzione con il quasi 99enne consorte Filippo, dopo il contagio dell'erede al trono Carlo e di un discreto numero di consiglieri e ministri- Elisabetta ha invitato il suo popolo a mostrare le qualità migliori, con "orgoglio". "Spero che chi verrà dopo di noi possa dire dei britannici di questa generazione che sono stati forti" come le altre, ha detto la sovrana, che compirà 94 anni tra due settimane.

Al di fuori dei tradizionali messaggi di Natale, questo è il quarto discorso della Regina dopo la prima guerra del Golfo, i funerali di Lady Diana e la scomparsa di sua madre nel 2002.

Fine della finestrella

Parole chiave