Navigation

Referendum contro il presidente Maduro in Venezuela

L'opposizione lancia la raccolta di firme mentre il paese sprofonda nella crisi

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2016 - 21:25

In Venezuela il governo, messo a dura prova dalla profonda crisi economica provocata dal crollo del prezzo del petrolio, si trova a dover affrontare l'offensiva dell'opposizione che ha lanciato la raccolta di firme per il referendum con cui mandare a casa il presidente Nicolas Maduro.

Intanto i venezuelani devono subire le nuove draconiane misure prese a causa della scarsità di energia. Una situazione che appare come inverosimile per uno dei maggiori produttori sudamericani di petrolio.

Ma la siccità che ha colpito i bacini idroelettrici ha obbligato le autorità a tagliare di 4 ore al giorno la fornitura di energia elettrica e gli uffici pubblici sono aperti solo il lunedì e il martedì mentre le scuole restano chiuse il venerdì. E soprattutto mancano i generi alimentari mentre l'inflazione galoppante penalizza i miseri salari, rinfocolando le proteste e le rivolte locali nel paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.