Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Rapporto annuale Amnesty, un 2017 catastrofico per i diritti umani

Il rapporto annuale di Amnesty International denuncia il "fallimento catastrofico" del mondo a contrastare le atrocità e punta il dito contro la retorica dell'odio che acuisce il fenomeno della discriminazione di gruppi già marginalizzati. La Svizzera è criticata in particolare per i rinvii forzati dei richiedenti l'asilo e la non conformità di alcune iniziative popolari al diritto internazionale. 

(1)

Servizio TG

Il mondo subisce le spaventose conseguenze di una retorica dell'odio che minaccia di normalizzare la discriminazione esercitata contro gruppi marginalizzati. È l'allarme lanciato da Amnesty International nel suo Rapporto annuale 2017/18 Link esternorelativo alla situazione dei diritti umani nel mondo, che passa in rassegna i casi di 159 paesi.

La Svizzera è criticata in particolare per i rinvii in condizioni disumane in altri paesi, in nome del regolamento Dublino, e per la non conformità di certe iniziative popolari con il diritto internazionale.

Il bilancio di Amnesty International è effettuato su 159 paesi e offre l'analisi più completa dell'attuale stato dei diritti fondamentali nel mondo.

"Durante tutto il 2017 - si legge nell'introduzione del rapporto - milioni di persone nel mondo hanno sperimentato i frutti amari delle sempre più diffuse politiche di demonizzazione, le cui estreme conseguenze sono state messe a nudo dall'orribile campagna militare di pulizia etnica contro la popolazione rohingya in Myanmar che in poche settimane ha causato un esodo di circa 650'000 persone verso il vicino Bangladesh, la crisi dei rifugiati esplosa più velocemente del 2017".

Profughi rohingya

Profughi rohingya nell'immagine di Kevin Frayer selezionata per il premio  World Press Photo of the Year.

(KEVIN FRAYER, GETTY IMAGES/Keystone)

Inoltre, indica Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International "la decisione presa in gennaio dal governo degli Stati Uniti di vietare l'entrata sul territorio nazionale alle persone provenienti da diversi paesi a maggioranza musulmana, azione con un chiaro carattere discriminatorio, ha dato il tono per un anno durante il quale i dirigenti hanno condotto una politica dell'odio dalle conseguenze nefaste".

"Lo spettro dell'odio e della paura hanno un grande impatto sulle questioni internazionali, e pochi governi difendono i diritti umani in questi tempi di grandi instabilità. Questo significa che dirigenti quali Abdel Fattah al Sissi, Rodrigo Duterte, Nicolás Maduro, Vladimir Putin, Donald Trump e Xi Jinping stanno violando i diritti di milioni di persone", sostiene Shetty.

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 22.02.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box