Navigation

Abbas rompe con gli Stati Uniti e Israele

Il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Mahmud Abbas ha annunciato sabato la rottura di ogni relazione con Israele e la sospensione di tutti gli accordi, a tre giorni dalla presentazione del piano americano per la pace in Medio Oriente. "Non accetterò l'annessione di Gerusalemme e non voglio passare alla storia come l'uomo che" l'ha svenduta, ha detto dal Cairo, dove partecipava a una riunione straordinaria della Lega Araba.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2020 - 21:25
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 01.02.2020)
Abbas sabato al Cairo. Keystone / Mohamed Elbendary

Il leader palestinese ha aggiunto che l'ANP "non accetterà mai gli Stati Uniti come unico mediatore al tavolo dei negoziati con Israele".

La rottura delle relazioni riguarda anche la sicurezza, implicazione di cui Abbas ha detto di aver informato, con due lettere, sia gli USA che Israele. La ragione, ha chiarito, è che Washington e Tel Aviv, con il piano Trump, hanno violato "gli accordi internazionali, inclusi quelli che hanno condotto alla creazione dello Stato d'Israele".

Il Piano, ha ammonito il presidente dell'ANP, "avrà ripercussioni su entrambi le parti del conflitto e l'intera regione".

Piano alternativo

Intanto, il ministro degli esteri palestinese al-Maliki ha annunciato che Abbas presenterà all'Onu un "piano alternativo" di pace in Medio Oriente. La proposta, secondo i media, sarà illustrata durante un discorso al Consiglio di sicurezza, verosimilmente l'11 febbraio. 

Contenuto esterno

L'accordo che il presidente statunitense Donald Trump chiama "del secolo" concede a Israele la sovranità sulla valle del Giordano e il riconoscimento di fatto degli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Malgrado la promessa di aiuti economici, ha suscitato l'ira dei palestinesi

Le 'mappe concettuali' appendici del piano Peace to prosperity. whitehouse.gov/peacetoprosperity/

Due giorni di scontri 

Venerdì, in molte località della Cisgiordania e a Gaza, si sono svolte le manifestazioni della 'Giornata della collera' preannunciata dall'ANP e da Hamas.

Secondo i dati della Mezzaluna Rossa, in quello che era il primo venerdì di preghiere dopo l'annuncio del piano di Trump, si sono contati almeno 48 feriti tra contusi e intossicati dai lacrimogeni negli scontri con l'esercito israeliano a Ramallah, Hebron, Jenin, Kalkilya, e Gerico. 

Le proteste sono proseguite sabato. Manifestanti hanno bruciato ritratti di Donald Trump e Benjamin Netanyahu.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.