Navigation

Misure severissime in Cina in attesa dei Giochi olimpici

Contenuto esterno

Xi'an, la città dell'Esercito di Terracotta, centro urbano da 13 milioni di abitanti capoluogo della provincia di Shaanxi nella Cina centrale è in lockdown a causa di un focolaio di covid. Sono bastati 52 nuovi casi di coronavirus, che hanno portato il totale a 143, per far scattare il massimo allarme e indurre le autorità cinesi a chiudere. E l'allarme è scattato solo all'indomani dall'avvio del programma di verifica di massa: ovvero sottoporre tutti i 13 milioni di abitanti al test per individuare il contagio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2021 - 21:15
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Le misure introdotte a Xi'an sono fra le più rigide che la Cina abbia adottato dal lockdown di Wuhan all'inizio del 2020. L'obiettivo adesso è "zero-trasmissione", una strategia ben precisa, fatta di chiusure, obbligo di mascherina ovunque e test di massa. Questo di sicuro fino alle Olimpiadi invernali a febbraio. 


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?