Navigation

Merkel a Mosca per onorare i caduti sovietici nel II conflitto mondiale

Dopo aver disertato le cerimonie ufficiali la cancelliera tedesca incontra Putin al Cremlino

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2015 - 21:58

La cancelliera tedesca Angela Merkel, che ieri ha disertato come tutti gli altri leader europei le fastose celebrazioni in Russia per i 70 anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, si è recata a Mosca per rendere omaggio agli oltre 20 milioni caduti sovietici e al contributo fondamentale dell'Armata Rossa nella liberazione del Vecchio Continente dal nazismo.

E nell'incontro con Vladimir Putin, con cui non sono state nascoste le attuali difficoltà derivanti dalla crisi ucraina, la capo di governo germanica ha ribadito la necessità di trarre insegnamento dalla storia e di collaborare, scegliere la via diplomatica nei contesti di tensione tra paesi. "Sono qui in un momento non semplice delle relazioni fra Germania e Russia ma vorrei dire al popolo russo che mi inchino innanzi ai milioni di morti sovietici", sono state le non troppo scontate parole della Merkel.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.