Navigation

Mediterraneo, una crisi umanitaria

Immigrazione, oltre 800 morti in tre giorni: sono le stime di una crisi umanitaria che le nazioni unite definiscono senza precedenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2014 - 22:47

Oltre 1600 nuovi sbarchi nel sud Italia, 800 tra morti e dispersi negli ultimi giorni, oltre 2500 da inizio anno, sono le cifre sempre più impressionanti dell'immigrazione attraverso il mediterraneo. Una crisi umanitaria che le Nazioni Unite definiscono senza precedenti. Dall'inizio dell'anno gli sbarchi in tutta Europa sono già 130mila, più del doppio rispetto all'anno record del 2011. Per le vittime esistono solo stime, dal primo gennaio i morti nel mediterraneo sarebbero 2500. Da Roma, per il TG, Nicola Agostinetti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.