Navigation

Pechino e Washington ai ferri corti

Pechino ha reagito con rabbia alla risoluzione sottoscritta dal presidente statunitense Donald Trump a sostegno delle manifestazioni pro-democrazia a Hong Kong. Forse a rischio l'intesa commerciale tra le due superpotenze economiche. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 13:43
tvsvizzera.it/Zz/afp/ats con RSI (TG del 28.11.2019)
Alcuni manifestanti di Hong Kong ringraziano Trump e gli Stati Uniti. Copyright 2018 The Associated Press. All Rights Reserved


Per la seconda volta in quattro giorni, l'ambasciatore statunitense a Pechino è stato convocato al ministero degli affari esteri cinese, che ha invitato Washington a non mettere in atto il testo.

L'Hong Kong Human Rights and Democracy ActLink esterno, approvato la scorsa settimana dal Congresso statunitense e promulgato mercoledì da Donald Trump, è un modo per "dissimulare sinistre intenzioni", ritiene il ministero, che ha sottolineato prenderà delle "contromisure". 

La normativa "rappresenta un'interferenza negli affari interni" della Cina e una violazione delle leggi internazionali, mostrando inoltre "uno sfacciato supporto ai criminali violenti", si legge nella nota pubblicata giovedì.

Contenuto esterno


In concreto, la risoluzione minaccia di sospendere lo statuto economico speciale accordato da Washington all'ex colonia britannica se i diritti dei manifestanti non saranno rispettati. 

Oltre alla verifica annuale sullo stato dell'autonomia e delle libertà di Hong Kong, necessaria per mantenere lo status di partner commerciale privilegiato, c'è anche il divieto di vendita di lacrimogeni, proiettili di gomma e di tutto quanto possa essere utile alle forze di sicurezza locali per stroncare le proteste, in corso ormai da oltre 5 mesi.

Resta ora da capire se la decisione metterà a rischio le trattative tra le due potenze economiche, le quali hanno recentemente annunciato che i delicati negoziati che dovrebbero mettere fine alla guerra commerciale, combattuta attraverso il rincaro dei dazi doganali, stanno procedendo positivamente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.