Navigation

Lotta ai paradisi fiscali, nuovi strumenti in vista

I ministri delle finanze del G20 riuniti a Washington dopo lo scandalo dei Panama Papers

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2016 - 21:46

Lo scandalo dei Panama Papers, che sta facendo tremare più di un capo di governo, ha fatto la sua comparsa anche nei lavori dei ministri delle finanze del G20 riuniti a Washington per il vertice del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale.

L'obiettivo dei ministri, con in testa i rappresentanti europei, è quello di combattere più efficacemente i paradisi fiscali in cui si celano capitali sottratti al fisco attraverso una maggiore trasparenza e l'estensione dello scambio di informazioni. In questo ambito si profila la creazione, proposta soprattutto dal Vecchio Continente, di un registro internazionale anti-riciclaggio e una specie di scambio automatico di informazioni sulle attività delle società offshore.

Iniziative condivise anche dalla Svizzera, come ha sottolineato il direttore del Dipartimento federale delle finanze Ueli Maurer, a condizione che le regole valgano per tutti. Non è infatti passato inosservato all'incontro che lo scandalo panamense abbia curiosamente risparmiato la discussa piazza finanziaria statunitense del Delaware.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.