Navigation

La Turchia attacca Isis (ma anche i curdi)

Cambio di rotta verso il Califfato, ma ora è a rischio la tregua con i ribelli interni

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2015 - 14:54

La Turchia ha intensificato nella notte e questa mattina le operazioni contro lo Stato Islamico e i ribelli curdi del PKK, con una serie di raid aerei e arresti mirati. Un deciso cambio di rotta, dunque, rispetto alla politica esitante nei confronti del Califfato. Ma anche un pugno di ferro contro i ribelli curdi, che rischia di mandare in frantumi il fragile processo di pace iniziato tre anni fa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.