Navigation

Iraq, 36 impiccati per il massacro di Tikrit

Nel 2014, l'Isis aveva rapito e ucciso centinaia di reclute irachene della base di Camp Speicher; fosse comuni scoperte l'anno dopo

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2016 - 20:44

L'Iraq ha impiccato 36 uomini riconosciuti colpevoli del massacro di centinaia di reclute dell'esercito compiuto dall'autoproclamato Stato islamico e dai suoi alleati vicino a Tikrit nel 2014, nel corso della sua offensiva nella regione.

Conosciuto come massacro di Camp Speicher, dal nome della base dove le reclute erano state imprigionate, avrebbe fatto fino a 1'700 morti. Lo scorso anno erano stati riesumati 470 corpi da quattro fosse comuni.

In totale la giustizia ha condannato a morte 64 persone per il massacro in processi che sono stati però criticati per la mancanza di trasparenza da Human Rights Watch.

AFP/sf/TG

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.