Navigation

Iran, ritorno d'un gigante del petrolio e del gas

Dopo la revoca delle sanzioni, il Paese dovrà però rinnovare il vetusto settore delle energie fossili; la concorrente Arabia Saudita ha anticipato le mosse

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2015 - 20:43

Quarta riserva mondiale di petrolio, prima riserva di gas. L'Iran, con la futura revoca delle sanzioni internazionali, rientrerà tra i giganti del settore delle energie fossili.

All'inizio potrà attingere alle sue riserve. Ma sul medio e lungo termine dovrà rinnovare le sue strutture vetuste. Decenni di embargo hanno compromesso la qualità della benzina locale.

Teheran vuole dunque attirare investitori stranieri, ma anche investire in Occidente. Forse anche in Svizzera [cfr. video].

La concorrenza del petrolio iraniano fa intanto tremare l'Arabia Saudita. Ma il primo produttore mondiale ha già anticipato le mosse, aumentando la produzione al doppio di quel che si stima l'Iran riuscirà a produrre nel prossimo futuro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.