Navigation

In Ungheria entra in vigore la legge anti Lgbt

Contenuto esterno

La legge, nata per inasprire le pene contro la pedopornografia, a seguito di una serie di modifiche sostenute dal governo, oggi vieta la promozione, la rappresentazione e le discussioni su qualsiasi orientamento sessuale diverso da quello eterosessuale negli spazi pubblici frequentati da minorenni. Ad essere colpite di fatto sono tutte le attività di sensibilizzazione promosse dalle organizzazioni Lgbt.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2021 - 18:54

Secondo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen la legge ungherese, che praticamente pone l'omosessualità a livello della pornografia, "è vergognosa"; e non serve alla protezione dei bambini ma è solo un pretesto per discriminare.

Lo ha ribadito al dibattito in plenaria al parlamento europeo sulle conclusioni dell'ultimo Consiglio europeo, aggiungendo che "se l'Ungheria non aggiusterà il tiro la Commissione userà i poteri ad essa conferiti in qualità di garante dei trattati. Dobbiamo dirlo chiaramente noi ricorriamo a questi poteri a prescindere dallo stato membro".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.