Navigation

Francesco firma l'enciclica "verde"

In 'Laudato si' - Sulla cura della casa comune', papa Bergoglio chiede di ridurre gli sprechi, utilizzare i mezzi pubblici, garantire l'accesso all'acqua

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2015 - 15:11

Nella prima enciclica che porta unicamente la sua firma, Papa Francesco chiede a chi la legge di convertirsi. All'ecologismo. Nella bozza del testo, pubblicata in anteprima sul sito del settimanale "l'Espresso", il pontefice chiede infatti "a tutte le persone di buona volontà" una nuova solidarietà universale nel prendersi cura della Terra.

L'opera di Papa Bergoglio, "Laudato sì - Sulla cura della casa comune", è un appello a cambiare stile di vita, custodire il pianeta, considerare l'accesso all'acqua potabile come un diritto umano da garantire.

È un testo sorprendentemente laico e quasi scientifico, nel richiamare i problemi dell'inquinamento e della perdita di biodiversità. Nelle quasi 200 pagine, Francesco chiede a chi legge di ridurre gli sprechi, utilizzare i trasporti pubblici, e invita a riflettere sulle ricadute di quanto si fa e si decide nella vita quotidiana, perché tutte le cose sono interconnesse.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.