Navigation

Facebook vieta la vendita di armi tra privati

Negli ultimi anni c'erano sempre più persone che usavano la piattaforma per acquistare fucili e pistole

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2016 - 15:00

Facebook ha sottolineato che il divieto interessa solo i privati mentre i rivenditori autorizzati, che dovranno al momento della vendita compiere i controlli sugli acquirenti, i famosi 'background checks', potranno continuare a reclamizzare i propri prodotti sul social network che ha piu' di 1 miliardo e mezzo di utenti.

Anche se non direttamente coinvolte nelle operazioni, le reti sociali servono da mercato on-line per negoziare la compravendita di armi da fuoco tanto che in America il 40% delle pistole viene acquistato presso rivenditori non autorizzati. E quasi tutti, stando ai dati ufficiali, si incontrano proprio su Facebook.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.