Navigation

Etiopia, l'opposizione chiede indagini

Troppo gravi i fatti di sangue dei giorni scorsi, quando una manifestazione contro il governo è divenuta una mattanza per la reazione delle forze dell'ordine che hanno sparato sulla folla

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 agosto 2016 - 15:15

L'opposizione chiede indagini approfondite e la presenza di osservatori internazionali a 3 giorni dagli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine, che hanno sparato sulla folla scesa in piazza per chiedere riforme e giustizia al governo, uccidendo quasi cento persone.

Il governo del premier Haile Desalegn non ci sta e accusa i manifestanti di essere responsabile degli scontri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.