Navigation

Iran, precipitato 737 della Ukraine Airlines

Un Boeing 737 della Ukraine International Airlines è precipitato mercoledì mattina pochi minuti dopo il decollo dall'aeroporto di Teheran, con 176 persone a bordo, di cui 9 membri dell'equipaggio. La causa dell'incidente, precisa un funzionario del Ministero delle infrastrutture iraniano, è un incendio a un motore. Non ci sono superstiti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gennaio 2020 - 14:45
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 08.01.2020)
Il luogo della sciagura. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Tra le persone imbarcate, riporta un tweetLink esterno del ministro degli Esteri ucraino Vadym Prystaiko, si contano 82 iraniani, 63 canadesi, 11 ucraini, 10 svedesi, 4 afghani, 3 tedeschi e 3 britannici. Due persone che avevano acquistato il biglietto non sono partite, secondo le autorità ucraine citate dalla BBC.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha cancellato una visita ufficiale in Oman, ha confermato su Facebook che non ci sono superstiti e ha invitato ad "astenersi dal fare congetture e avanzare teorie non corroborate" sullo schianto. Zelensky ha pure annunciato che aerei speciali sono pronti per volare a Teheran e raccogliere le spoglie delle persone che hanno perso la vita nel disastro.

Contenuto esterno


Intanto, la Ukraine Airlines ha sospeso a tempo indeterminato i suoi voli per la capitale iraniana e riferito che sta facendo il possibile per scoprire le cause del guasto all'origine dell'incidente. Il velivolo "è scomparso dai radar pochi minuti dopo la partenza dall'aeroporto internazionale di Teheran", spiega la UIA citata dall'agenzia Tass. 

Il volo è stato effettuato su un aeromobile "fabbricato nel 2016, ricevuto dalla compagnia aerea direttamente dalla fabbrica", si apprende. "L'ultima manutenzione programmata è stata effettuata il 6 gennaio 2020".

Contenuto esterno

Le scatole nere dell'aereo ucraino non saranno consegnate alla Boeing, ha detto il capo dell'aviazione civile iraniana Ali Abedzadeh all'agenzia iraniana Mehr, senza tuttavia specificare in quale Paese saranno inviate per essere analizzate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.