Navigation

È morto Ieoh Ming Pei, architetto della piramide di vetro del Louvre

È morto all'età di 102 anni Ieoh Ming Pei, archistar cino-americana nota in tutto il mondo, e non solo per la piramide di vetro all'ingresso del Louvre di Parigi. Suo è anche, ad esempio, palazzo Lombardia, sede del governo della regione italiana. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2019 - 13:31
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 17.05.2019)
Ieoh Ming Pei davanti alla sua creazione più conosciuta e controversa. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.


È stato uno degli ultimi grandi maestri dell'architettura modernista. Ha lavorato con le forme astratte, usando la pietra, il calcestruzzo, il vetro e l'acciaio. Ha lasciato la sua firma su molti edifici, università e musei in tutto il mondo.

Ieoh Ming Pei, figlio di un eminente banchiere cinese, lasciò il suo Paese nel 1935 per gli Usa, dove studiò architettura al Mit e alla Harvard University. Dopo alcuni anni di insegnamento e di attività per il governo americano, si trasferì a New York lavorando per un costruttore nel 1948, prima di aprire il suo studio nel 1955, quando diventò cittadino statunitense. Tutte le sue creazioni mostrano una precisione geometrica e una qualità astratta con una venerazione per la luce.

Contenuto esterno


Il suo progetto più famoso, e controverso, resta la Piramide del Louvre. Ma Ieoh Ming Pei ha realizzato numerosi edifici, tra cui la John F. Kennedy Library a Dorchester, Massachusetts, il National Center for Atmospheric Research a Boulder, Colorado, la East Wing della National Gallery of Art in Washington Dc, il Dallas City Hall, la Bank of China tower a Hong Kong, l'Athens' Museum of Modern Art, la Defence a Parigi, e il Rock and Roll Hall of Fame and Museum a Cleveland, considerata una delle sue opere più sorprendenti. 

Per costruire il Rock and Roll Hall of Fame and Museum di Cleveland, completato nel 1983, Ieoh Ming Pei ha voluto usare un linguaggio architetturale nuovo e audace, proprio come lo stile musicale a cui l'edificio rende omaggio. Keystone

Nel 1983 Ieoh Ming Pei vinse il Premio internazionale di architettura Pritzker destinando il premio di 100 mila dollari per lanciare un programma per consentire ad aspiranti architetti cinesi di studiare negli Usa. Nel 1992 il presidente George H. W. Bush gli conferì la Medaglia presidenziale della libertà.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.