Navigation

Accordo di Dublino, ora è caos

Gli ungheresi imputa alla cancelliera Merkel i continui malintesi sull'interpretazione dell'accordo. Quest'ultima replica: "L'attuale cornice legale è valida per tutti noi. Ma non viene seguita"

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 settembre 2015 - 20:13

È il 25 agosto. Un cinguettio dell'Ufficio federale tedesco della migrazione apre le porte al fraintendimento: "Allo stato attuale, la procedura di Dublino per la gran parte dei cittadini siriani non viene da noi di fatto seguita". Pochi giorni dopo il governo ungherese chiede esplicitamente a Berlino di chiarire le circostanze in cui le regole dell'asilo debbano essere considerate valide.

E il caos attuale di cui l'accordo di Dublino sembrerebbe la causa in realtà sarebbe nato da questo tweet controverso. Un messaggio tramite il social media Twitter che ha dato il via a una catena di incomprensioni, ancora lungi dall'essere risolte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.