Navigation

Tullio Pericoli in mostra a Milano

Una delle tante opera in mostra a Palazzo Reale a Milano (particolare). @Claudio_Moschin

Mai s'era vista una mostra così grande dedicata al grande Tullio Pericoli, i cui disegni sono comparsi sui più importanti giornali, italiani ed esteri e hanno accompagnato racconti di Calvino, Levi, Gadda e Soldati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2021 - 18:32
Claudio Moschin

Negli anni la ricerca pittorica dell'artista marchigiano ma milanese di adozione dal 1961, avviata all’inizio degli anni ’70 con la serie delle “geologie”, diventa sempre più centrale nel suo lavoro, e lo porta a realizzare mostre in gallerie e istituzioni museali con incursioni anche nell'ambito teatrale, che lo vedranno disegnare le scenografie per alcuni importanti opere di lirica in Italia e all'estero.

Con oltre 150 opere realizzate fra il 1977 e il 2021, la mostra (aperta a Milano a Palazzo Reale) vuole essere un punto di riflessione e un omaggio alla grande carriera di Tullio Pericoli, artista con una attività feconda e multiforme.

Il percorso espositivo propone infatti una sintesi pittorica delle sue due principali forme d’espressione, in particolare i paesaggi degli ultimi decenni e i ritratti. Questi ultimi (molto famosi nel mondo) sono fisionomie fedeli e al tempo stesso trasfigurate di importanti personaggi della scena culturale internazionale di ieri e di oggi, amici, colleghi, poeti e scrittori che lo stesso Pericoli considera i suoi ispiratori.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.