La televisione svizzera per l’Italia

Tangenti, arrestato il presidente di Rete ferroviaria italiana

Dario Lo Bosco è sospettato d'aver incassato 58'000 euro per un appalto; in manette in Sicilia anche due dirigenti del Corpo forestale

Il presidente di Rete ferroviaria italiana, Dario Lo Bosco, è stato arrestato con l’accusa di concussione. L’ingegnere avrebbe intascato tangenti per 58 mila euro nell’ambito di un appalto da 26 milioni per l’acquisto di sensori per il monitoraggio delle corse dei treni.

Verdetto di assoluzione

Nel giugno 2021, la Corte di Cassazione ha definitivamente assolto da tutte le accuse l’ex direttore di Rfi Dario Lo Bosco e i due funzionari regionali Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi.

L’inchiesta è condotta dalla procura di Palermo e oltre a Lo Bosco, che è anche presidente dell’Azienda siciliana trasporti, coinvolge anche due dirigenti del Corpo forestale e un imprenditore agrigentino titolare di una società di costruzioni. In mano a quest’ultimo è stata trovata una lista di nomi, cifre e date; una sorta di libro mastro delle mazzette pagate dalla sua azienda.

I due funzionari, Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi, sono stati arrestati per aver preso tangenti per un appalto relativo ai lavori di ammodernamento delle radiocomunicazioni della Forestale. Avrebbero intascato rispettivamente 150 mila e 90 mila euro.

Solo pochi giorni fa era scoppiato in Italia un altro caso di corruzione, legato all’Anas.

Attualità

L'ex stella del calcio brasiliano Ronaldinho ha inaugurato il primo ristorante che porta il suo nome, l'R10 Burger a Chatelaine, vicino a Ginevra.

Altri sviluppi

Ronaldinho ha aperto un ristorante a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al L'ex stella del calcio brasiliano Ronaldinho ha aperto il suo primo ristorante vicino a Ginevra. Il ristorante serve hamburger e si chiama "R10", come il numero di maglia del famoso calciatore.

Di più Ronaldinho ha aperto un ristorante a Ginevra
macron

Altri sviluppi

Francia: Macron attacca, “con estremisti è la guerra civile”

Questo contenuto è stato pubblicato al In calo nei sondaggi pre-elettorali, Emmanuel Macron si lancia all'attacco degli avversari dando l'allarme sulla tenuta della democrazia in Francia: "I programmi degli estremisti portano alla guerra civile".

Di più Francia: Macron attacca, “con estremisti è la guerra civile”
Michael Schumacher nel 2009

Altri sviluppi

Ricattavano la famiglia Schumacher, arrestati

Questo contenuto è stato pubblicato al Due uomini tedeschi avevano minacciato di diffondere dati sensibili della famiglia Schumacher se questa non li avesse pagati.

Di più Ricattavano la famiglia Schumacher, arrestati
Fiori per le vittime del bombardamento a Sebastopoli.

Altri sviluppi

La Russia accusa gli USA per gli attacchi in Crimea

Questo contenuto è stato pubblicato al Nell'attacco missilistico ucraino su Sebastopoli in Crimea, sono rimaste uccise 5 persone, tra cui tre bambini. Mosca non ha dubbi sul coinvolgimento di Washington.

Di più La Russia accusa gli USA per gli attacchi in Crimea
Il portale sud della galleria autostradale del San Gottardo.

Altri sviluppi

La galleria del San Gottardo resterà aperta anche di notte

Questo contenuto è stato pubblicato al Vista la chiusura dell’autostrada A13 dopo le intemperie abbattutesi sulla Mesolcina, il tunnel autostradale del San Gottardo non verrà chiuso al traffico questa settimana e la prossima durante la notte, come previsto inizialmente.

Di più La galleria del San Gottardo resterà aperta anche di notte
gambe di donna con tacchi

Altri sviluppi

Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse

Questo contenuto è stato pubblicato al Berna respinge al mittente le accuse di essere "uno Stato pappone" formulate da un'esperta dell'ONU nei confronti del nostro Paese. "Questo termine non è per nulla appropriato", ha affermato oggi l'ambasciatore elvetico all'ONU di Ginevra Jürg Lauber.

Di più Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse
poliziotti

Altri sviluppi

Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Questo contenuto è stato pubblicato al È di 19 morti e diversi feriti il bilancio degli attentati contro posti di polizia, chiese e una sinagoga domenica in Daghestan, repubblica russa nel Caucaso settentrionale. Si sospetta che gli attacchi siano opera di estremisti islamici.

Di più Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR