Navigation

Tangenti, arrestato il presidente di Rete ferroviaria italiana

Dario Lo Bosco è sospettato d'aver incassato 58'000 euro per un appalto; in manette in Sicilia anche due dirigenti del Corpo forestale

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2015 - 20:26

Il presidente di Rete ferroviaria italiana, Dario Lo Bosco, è stato arrestato con l'accusa di concussione. L'ingegnere avrebbe intascato tangenti per 58 mila euro nell'ambito di un appalto da 26 milioni per l'acquisto di sensori per il monitoraggio delle corse dei treni.

L'inchiesta è condotta dalla procura di Palermo e oltre a Lo Bosco, che è anche presidente dell'Azienda siciliana trasporti, coinvolge anche due dirigenti del Corpo forestale e un imprenditore agrigentino titolare di una società di costruzioni. In mano a quest'ultimo è stata trovata una lista di nomi, cifre e date; una sorta di libro mastro delle mazzette pagate dalla sua azienda.

I due funzionari, Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi, sono stati arrestati per aver preso tangenti per un appalto relativo ai lavori di ammodernamento delle radiocomunicazioni della Forestale. Avrebbero intascato rispettivamente 150 mila e 90 mila euro.

Solo pochi giorni fa era scoppiato in Italia un altro caso di corruzione, legato all'Anas.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.