La televisione svizzera per l’Italia

Giorgia Meloni a muso duro contro l’asse franco-tedesco

Macron e Scholz.
I due leader di Francia e Germania hanno definito a chi andranno le principali cariche istituzionali. Irritando Giorgia Meloni. Copyright 2024 The Associated Press. All Rights Reserved

Il blitz ideato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz e dal presidente francese Emmanuel Macron per rivendicare la centralità dell'asse franco-tedesco sugli assetti comunitari non è per niente piaciuto alla premier italiana Giorgia Meloni che promette battaglia.

L’accordo sui principali incarichi dell’UE, noto come “pacchetto” von der Leyen-Costa-Kallas, sembra essere stabile e non prevede altri nomi in lizza per la ratifica nel prossimo vertice UE.

Un accordo raggiunto dopo il blitz ideato da Olaf Scholz e Emmanuel Macron per blindare proprio l’intesa sui top jobs prima del Consiglio europeo di giovedì e venerdì. Andare al tavolo dei 27, giovedì, senza un accordo, sarebbe stato altamente rischioso avrebbe dato più spazio a chi, in seno al Consiglio europeo, rema contro Ursula von der Leyen e tenta il sovvertimento degli equilibri in Ue.

Sostegno a Ursula von der Leyen

Fonti diplomatiche confermano il sostegno a Ursula von der Leyen come Presidente della Commissione Europea, Antonio Costa come Presidente del Consiglio Europeo e Kaja Kallas come Alto Rappresentante. Questa intesa deve ancora essere ratificata dai leader dei 27 Stati membri durante il Consiglio Europeo di giovedì e venerdì.

Contenuto esterno

Ursula von der Leyen negozierà direttamente con il Premier italiano Giorgia Meloni per decidere quale sarà il portafoglio riservato all’Italia nella prossima Commissione Europea. Questo avviene nel contesto dell’accordo tra Popolari, Socialisti e Liberali.

Secondo Bloomberg, all’Italia verrà offerta la possibilità di ricoprire un ruolo di alto livello nella prossima Commissione Europea, con un candidato italiano che potrebbe diventare vicepresidente esecutivo. Antonio Costa sarà nominato alla guida del Consiglio Europeo per un periodo iniziale di due anni e mezzo.

Il Premier ungherese Viktor Orban critica l’accordo, sostenendo che va contro i principi fondanti dell’UE. Il Ministro italiano Raffaele Fitto sottolinea l’importanza di altri temi cruciali come la competitività economica, la difesa e la migrazione, oltre alla politica estera.

Potere tra le mani dei partiti filo UE

L’intesa tra i sei negoziatori – Donald Tusk e Kyriakos Mitsotakis per il Ppe, Pedro Sanchez e Scholz per i Socialisti, Macron e Mark Rutte per i Liberali – ha anche un valore strategico: ribadisce che le pedine del potere comunitario, a dispetto dell’ascesa delle destre, resta nelle mani dei tre partiti filo-Ue.

Fonti diplomatiche europee, raccontando i termini dell’intesa dei sei, hanno spiegato di aspettarsi che Meloni, al summit Ue, mostrerà tutta la sua irritazione. Di certo, la premier italiana potrà sottolineare l’esclusione sua, del ceco Peter Fiala, di Robert Fico e di Viktor Orban, dai negoziati che contano. Ovvero di quei leader che non sono parte dei tre partiti di maggioranza e che sono tutti espressione di una destra più o meno estrema.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR