La televisione svizzera per l’Italia

Eredità Agnelli, le indagini possono proseguire

Gianni Agnelli e Marella Caracciolo nel novembre 2000 a Villar Perosa.
Gianni Agnelli e Marella Caracciolo nel novembre 2000 a Villar Perosa. KEYSTONE

Rigettato il ricorso contro il sequestro dei documenti relativi al patrimonio della vedova di Gianni Agnelli, che risiedeva in Svizzera, in merito al quale sono in corso indagini su presunti reati tributari a carico degli eredi.

Resta sotto sequestro il materiale preso in consegna dalla Guardia di finanza nell’inchiesta sull’eredità di Gianni Agnelli. Il tribunale del riesame ha respinto il ricorso delle difese, confermando il decreto emesso dalla Procura di Torino il 6 marzo.

I pubblici ministeri possono quindi proseguire con le loro indagini volte a individuare l’intero patrimonio riconducibile a Marella Caracciolo, la vedova dell’Avvocato, deceduta nel 2019 a 92 anni.

Altri sviluppi
I coniugi Gianni e Marella Agnelli.

Altri sviluppi

La Svizzera teatro della guerra degli Agnelli

Questo contenuto è stato pubblicato al I tribunali svizzeri potrebbero mettere fine al contenzioso sull’eredità degli Agnelli tra Margherita Agnelli e i suoi tre figli.

Di più La Svizzera teatro della guerra degli Agnelli

Alla ricerca delle quote degli eredi

Oltre ai telefonini e agli altri dispositivi digitali, gli inquirenti possono trattenere anche i documenti con cui risalire a ‘Dicembre’, la cassaforte di famiglia che controlla tutte le società del gruppo, per individuare i passaggi di proprietà delle quote.

A rivolgersi al riesame erano stati i legali dei fratelli John, Lapo e Ginevra Elkann (nipoti di Marella) e del commercialista Gianluca Ferrero.

“Siamo naturalmente delusi dalla decisione del tribunale e rimaniamo convinti della solidità degli argomenti giuridici che abbiamo sostenuto”, hanno commentato gli avvocati Paolo Siniscalchi, Federico Cecconi e Carlo Re. “Attendiamo comunque il deposito delle motivazioni – aggiungono – per decidere se presentare ricorso per Cassazione”.

I reati ipotizzati

Il fascicolo è aperto per due ipotesi di reato. La prima, che riguarda Ferrero e John Elkann, è la dichiarazione fraudolenta dei redditi di Marella per gli anni fra il 2015 e il 2019. La tesi è che vi sia stata una evasione dell’IRPEF “tramite simulazione di residenza prevalente in Svizzera” della signora Caracciolo.

La seconda ipotesi, estesa anche agli altri fratelli Elkann, si riferisce al fatto che, secondo la Procura di Torino, alla morte di Marella l’imposta di successione non venne versata in Italia. Qui, nel corso dell’udienza, le difese hanno dato battaglia affermando che, a differenza di quanto sostenuto dai pubblici ministeri, non si tratta di una truffa ai danni dello Stato.

Altri sviluppi

Al massimo, sostengono, è una violazione non prevista come reato da nessuna norma penale e, quindi, censurabile solo in sede amministrativa.

Nel confermare integralmente il decreto di sequestro, i giudici hanno dato ragione alle tesi avanzate dai pubblici ministeri. Ma è probabile che la questione finirà per essere ulteriormente esaminata dalla Cassazione.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR