Navigation

Shopping in bitcoin tra i negozi di Roma

Contenuto esterno


Per quanto gli economisti lo considerino un prodotto d'investimento e non una valuta, nelle città sempre più commercianti ed esercenti si attrezzano per incassare bitcoin. Il TG della Radiotelevisione svizzera ha sondato la tendenza tra i negozi di Roma.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 gennaio 2018 - 21:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 03.01.2018)

Il bitcoin come mezzo di pagamento non è diffuso solo a Zugo, Zurigo o Chiasso, che pure stanno diventando luoghi di riferimento per le start-up che sviluppano portafogli digitali e contratti o polizze ad esecuzione automatica.

In molte città, i commercianti hanno capito che, al di là delle fluttuazioni sul mercato dei cambi, incassare criptovaluta può convenire, come servizio per attirare nuova clientela. Nella capitale italiana, si possono pagare in bitcoin vestiti, orologi, libri, tappeti e persino case [video sopra].

+ Leggi di più sulle iniziative politiche e imprenditoriali a favore del bitcoin in Ticino 
+ Leggi di più sull'evoluzione di Zugo da rifugio fiscale a polo delle criptovalute

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.