La televisione svizzera per l’Italia

Accordo sui migranti tra Italia e Albania, in ritardo la costruzione dei centri di accoglienza

Giorgia Meloni ed Edi Rama si fanno spiegare i lavori per i centri di accoglienza.
I centri non saranno pronti prima di agosto. KEYSTONE

La costruzione dei centri per l'accoglienza di migranti voluti dall'Italia in Albania è in ritardo e questi non saranno pronti prima di agosto.

C’è già un ritardo di almeno due mesi per l’entrata in funzione dei centri in costruzione in Albania, e si apre un nuovo caso sui canali legali per entrare in Italia, che questi strutture le ha volute. Anche questi canali, denuncia il Governo italiano, vengono gestiti da reti criminali, come avviene per le vie di passaggio illegali.

La capienza iniziale delle strutture di accoglienza sarà inizialmente di 1’000 persone al mese, per poi aumentare fino a 3’000. La gestione dei centri costerà 670 milioni di euro in 5 anni, ossia il 7,5% della spesa totale italiana per l’accoglienza.

L’obiettivo della premier Giorgia Meloni è tenere fede alla promessa di bloccare gli arrivi in Italia. Dopo un 2023 fallimentare, con molti sbarchi e difficoltà nel sistema di accoglienza da inizio anno, i numeri sono cambiati: sono arrivati poco più di 21’500 migranti, quasi la metà rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Numeri, in sostanza, in linea con il 2022.

Gestione irregolare delle entrate legali

Nelle ultime ore si è aperto un nuovo caso, relativo agli ingressi regolari di migranti. Un sistema denominato “decreto flussi” e che permette l’arrivo di migranti per motivi di lavoro. Tra il 2023 e il 2025 è permessa l’entrata in Italia a 450’000 lavoratori e lavoratrici di origine straniera. Un sistema che però ha gravi lacune: in Campania, per esempio, a fronte di 157’000 domande di visto per l’ingresso, meno del 3% ha davvero firmato un contratto di lavoro. Una truffa che il Governo ha segnalato alla Procura antimafia.

Un cortocircuito, secondo i critici. È lo stesso Governo ad aver approvato il decreto flussi, confermando che anche soggetti privati vengano coinvolti nella valutazione delle domande, e non solo gli ispettorati statali, e che siano stati posticipati i controlli delle questure a dopo che il lavoratore straniero è già entrato in Italia.

Contenuto esterno

Una denuncia che, secondo Agnese Tognon, dell’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, “appare innanzitutto strumentale in quanto fatta a pochi giorni dalle elezioni europee. Emerge come il Governo denunci sé stesso per la sua incapacità e, sopratutto, mancata volontà di gestire la questione migratoria nel rispetto delle reali esigenze dinamiche del mercato del lavoro

La premier Meloni, però, tira dritto. Scansa le critiche e cerca chi, sui migranti, è pronto a darle una mano, come il suo omologo albanese Edi Rama, con il quale ha sottoscritto il protocollo tra i due Paesi “per il rafforzamento della collaborazione in materia migratoria” il 6 novembre scorso a Roma.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR