La televisione svizzera per l’Italia

Seconda guerra mondiale: meno ebrei respinti dalla Svizzera

persone che attraversano una rete
Profughi militari italiani attraversano il confine a Stabio, 17 settembre 1943. Ch. Schiefer, Archivio di Stato del Canton Ticino, Bellinzona

Un nuovo studio rivede le cifre dei respingimenti di profughi ebrei alla frontiera meridionale della Svizzera durante la Seconda guerra mondiale. L'autore invita tuttavia a non utilizzare i numeri come unico criterio di valutazione della politica d'asilo svizzera.

L’atteggiamento della Svizzera verso i profughi negli anni dei fascismi e del secondo conflitto mondiale, e in particolare verso i profughi ebrei, è uno dei temi che più hanno segnato il dibattito storiografico svizzero dal dopoguerra a oggi. Spesso la discussione si è incentrata sul numero di fuggiaschi respinti o accolti alla frontiera. I dati statistici sono assurti a metro di misura della posizione morale della Svizzera di fronte al dramma di chi fuggiva dalla guerra e dallo sterminio.

Anche nella ricezione del lavoro della Commissione indipendente di esperti Svizzera-Seconda guerra mondiale (Commissione Bergier), la questione dei respingimenti alla frontiera ha avuto un ruolo di primo piano. E questo nonostante gli aspetti più innovativi delle sue ricerche riguardino altri temi, in particolare le relazioni economiche e finanziarie della Svizzera con la Germania nazista.

Dati incerti

Rispetto ai respingimenti di profughi alla frontiera, la commissione si è basata sulle ricerche compiute in precedenza dallo storico Guido KollerCollegamento esterno, collaboratore dell’Archivio federale svizzero. Koller, combinando dati statistici di diversa provenienza, giunge alla cifra di 24’398 respingimenti di profughi civili.

Nel suo rapporto finale del 2002 la Commissione Bergier, considerando il fatto che alcuni profughi hanno tentato più volte di farsi accogliere, stima che il numero di profughi civili respinti alla frontiera svizzera ammonti a circa 20’000. Sebbene i dati si riferiscano in buona parte alla categoria generica dei profughi civili, e non specificatamente ai profughi ebrei, sia Koller, sia la Commissione Bergier ritengono che i respinti siano in buona parte ebrei.

Questa ipotesi è ora oggetto di un’attenta analisi critica da parte dello storico ticinese Adriano Bazzocco, sviluppata a partire dai dati relativi alla frontiera meridionale della Svizzera e più precisamente al circondario doganale IV (Ticino e Moesa), pubblicata in tedesco sulla rivista online Saggi di DodisCollegamento esterno.

Altri sviluppi

Sulla frontiera meridionale

Lo sguardo da sud è particolarmente rivelatore perché, come nota Bazzocco, oltre la metàCollegamento esterno dei respingimenti registrati da Koller (12’508) è avvenuta lungo la frontiera ticinese e mesolcinese.

Dopo l’armistizio italiano dell’8 settembre 1943 la linea di confine è attraversata da una folla eterogenea di fuggiaschi: antifascisti della prima ora, ebrei, prigionieri di guerra, persone che cercano di sfuggire al reclutamento forzato nelle squadre di lavoro destinate alla Germania e soprattutto militari italiani allo sbando.

colonna di prsone
Profughi militari italiani a Stabio, 17 settembre 1943. Dodis /Ch. Schiefer, Archivio di Stato del Canton Ticino, Bellinzona

La Svizzera è colta alla sprovvista, tanto più che i soldati italiani che si presentano alla frontiera in genere non sono inquadrati in formazioni regolari, non portano un’uniforme e sono privi di armi. A loro non si applicano le norme delle convenzioni dell’AjaCollegamento esterno. La Svizzera li considera dei civili, anche se finisce per internare quanti sono accolti in strutture militari.

Esaminando le cifre dell’accesso di profughi dopo l’8 settembre 1943 alla luce di alcuni documenti inediti o insufficientemente considerati, Adriano Bazzocco ritiene che buona parte dei respingimenti lungo la fascia di frontiera meridionale della Svizzera riguardi in primo luogo i militari italiani e non i profughi ebrei.

“Non ne arrivano centinaia”

Una prima fonte che permette allo storico ticinese di rivedere il quadro tracciato dalla commissione Bergier è fornita da alcune annotazioni di Heinrich RothmundCollegamento esterno, capo della Divisione di polizia del Dipartimento federale di giustizia e polizia, relative alle settimane centrali del settembre 1943, quando oltre 4000 personeCollegamento esterno sono respinte verso l’Italia.

In un’annotazione del 21 settembre 1943Collegamento esterno, l’alto funzionario osserva che fino a quel momento gli ebrei sono stati accolti e aggiunge: “Se respingiamo un gran numero di italiani non ebrei sottoposti all’obbligo militare e accogliamo tutti gli ebrei, ci potrebbe essere una reazione molto spiacevole da parte dell’opinione pubblica”.

Per questo valuta la possibilitàCollegamento esterno di respingere anche alcuni profughi ebrei, ma è esortato alla prudenzaCollegamento esterno dal suo superiore, il consigliere federale Eduard von Steiger, preoccupato per l’imminente dibattito in parlamento sulla questione dei profughi. “Non ne arrivano centinaia, per cui possiamo aspettare finché la questione è evasa”, annota Rothmund.

Negli stessi giorni, stando a due documenti della Divisione di polizia (22 settembre 1943Collegamento esterno e 24 settembre 1943Collegamento esterno), sono respinti 1726 profughi verso l’Italia. Dalle informazioni fornite da Rothmund, si può dedurre che solo una piccola parte di loro sono ebrei.

Settore Mendrisio

Il quadro della situazione alla frontiera ticinese è precisato da un altro documento. Si tratta di due registri del Settore Mendrisio del Circondario doganale IV, cioè dell’estremità meridionale del canton Ticino, relativi agli anni 1943-44Collegamento esterno e 1944-46Collegamento esterno. La fonte è particolarmente rilevante perché in quel settore viene accolto ben il 57% dei profughi ebrei provenienti dall’Italia dopo l’8 settembre 1943.

Stando ai registri, a fronte di 3131 profughi ebrei accolti, 468 sono respinti (circa il 13% degli ebrei che si presentano alla frontiera). In totale i respingimenti sono 4851, oltre la metà riguarda profughi militari.

persone allineate a torso nudo
Controllo medico dei profughi militari a Stabio, 17 settembre 1943. Ch. Schiefer, Archivio di Stato del Canton Ticino, Bellinzona

La fonte permette anche di analizzare l’evoluzione della prassi alla frontiera nel corso del tempo. Così per esempio è possibile constatare che tra il 21 e il 22 settembre 1943 nel Settore Mendrisio sono accolti solo 49 ebrei e 19 sono respinti, a conferma del fatto che in questa fase i respingimenti riguardano soprattutto altre categorie di profughi.

Momenti drammatici

Il mese di settembre 1943, segnato da una forte pressione alla frontiera, registra tuttavia un numero relativamente alto di respingimenti di ebrei (171, a fronte di 266 accolti). Le cifre diminuiscono alla fine di settembre; nei due mesi successivi i respingimenti di ebrei sono sporadici.

Quando però alla fine di novembre le autorità neofasciste della repubblica di Salò ordinano l’arresto sistematico di tutti gli ebrei e il loro internamento nei campi di concentramento, un gran numero di persone si dirige nuovamente verso la frontiera italo-svizzera.

È un momento drammatico, che si ripercuote anche sui respingimenti: tra il 3 e il 10 dicembre sono rimandati in Italia 207 profughi ebrei, mentre 305 sono accolti (vale a dire che in quei giorni il 40% circa degli ebrei che si presentano alla frontiera sono respinti). Nelle settimane successive il flusso di persone in fuga si attenua, dal gennaio 1944 non si registrano più respingimenti di profughi ebrei.

manifesto con foto
Le uniche foto esistenti di profughi ebrei arrestati dai soldati tedeschi in provincia di Varese al confine tra Svizzera e Italia. Museo del Risorgimento, Milano

“Al di là del numero di respingimenti, le cifre indicano che quando la pressione alla frontiera è maggiore, la probabilità di essere accolti in Svizzera è nettamente più bassa”, osserva Adriano Bazzocco. “In altre parole, il grado di minaccia a cui sono esposti gli ebrei in Italia sembra avere un ruolo secondario nella politica verso i profughi. E questo nonostante la Svizzera disponga di informazioni affidabili sullo sterminio degli ebrei.”

Non solo cifre

Le informazioni desunte dai registri del Settore Mendrisio sono corroborate da un altro documento, che riassume i dati sui profughi accolti e respinti lungo la frontiera del Settore Locarno. In questo tratto di frontiera, gli ebrei accolti sono 447, quelli respinti 118.

Altri sviluppi
Liliana Segre

Altri sviluppi

Liliana Segre: “Per me la Svizzera non è stata terra di asilo”

Questo contenuto è stato pubblicato al “Anche io mi sono sentita clandestina, anche io sono stata respinta, e quella meravigliosa e accogliente Svizzera di cui si parla anche nel libro di Renata Broggini (“Terra d’asilo”, ndr) a me l’asilo non lo ha concesso”. Parla così Liliana Segre, 87 anni e da pochi giorni nominata Senatrice a vita dal Presidente della Repubblica…

Di più Liliana Segre: “Per me la Svizzera non è stata terra di asilo”

Applicando la quota media di respingimenti nei due settori al numero complessivo di profughi ebrei accolti lungo la frontiera con l’Italia, si giunge alla cifra di 955 respingimenti. “Si tratta evidentemente di una cifra ipotetica, tanto più che non sappiamo quasi nulla dei respingimenti nei Grigioni e in Vallese”, precisa lo storico. “Inoltre, è assodato che alcuni profughi respinti hanno ritentato di entrare in Svizzera altrove, talvolta con successo.”

Ad ogni modo, solo pochi degli oltre 12’500 respinti lungo la frontiera del Ticino e della Mesolcina erano ebrei. “È importante però non ripetere l’errore di considerare le cifre l’unico metro di misura per la valutazione della politica d’asilo svizzera”, avverte Bazzocco. “I risultati della Commissione Bergier rimangono un’analisi valida della politica svizzera verso i profughi, in particolare per quel che riguarda il ruolo dell’antisemitismo”.


In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR