Navigation

Campione d'Italia, no all'unione doganale

Che ne sarà di targhe auto, rifiuti, pompieri e ambulanze una volta che Campione farà parte dell'area doganale UE? RSI-SWI

I cittadini di Campione d'Italia hanno nuovamente manifestato martedì, per esprimere la loro preoccupazione per la situazione precaria in cui si trova l'enclave dal fallimento del Casinò sedici mesi fa, l'apparente abbandono da parte delle autorità politiche, e la prevista inclusione nell'area dell'unione doganale UE.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2019 - 21:05
tvsvizzera.it/ri con RSI (News e Quotidiano del 12.11.2019)

Rabbia e frustrazione hanno riportato i campionesi davanti alla sede del loro Comune. I dimostranti temono che l'inclusione nel territorio doganale comunitarioLink esterno, prevista per inizio 2020, possa far cadere i servizi primari oggi erogati dal canton Ticino, nuocere al rilancio di Campione, pregiudicare la riapertura del fallito Casinò.

Intanto, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione urgente affinché il governo di Roma intervenga per posticipare l'estensione dell'unione doganale, così che il passaggio al nuovo regime per Campione possa avvenire in modo graduale e coordinato.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.