Navigation

I "pizzini" tornano di moda

Il celebre sistema usato soprattutto dai mafiosi per impartire istruzioni è stato usato anche nelle carceri ticinesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2016 - 19:24

Il celebre sistema dei "pizzini", usato dai criminali per impartire istruzioni, è approdato anche nelle carceri ticinesi. Alcuni giorni fa, dopo una visita alla prigione della "Farera", la moglie di un detenuto è stata trovata in possesso di un paio di bigliettini, i cosiddetti "pizzini", nel tentativo di condizionare le indagini avviate contro di lui.

L'episodio rischia di avere strascichi anche sul fronte penale. Non per il detenuto, ma per la moglie. Contro di lei la procura ha aperto infatti un procedimento penale. Favoreggiamento il reato ipotizzato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.