Navigation

Campione d'Italia nello spazio doganale Ue con esenzione dell'Iva

Il Parlamento europeo ha approvato la modifica del regolamento dell'Unione doganale per includervi anche Campione d'Italia, exclave italiana in territorio svizzero. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2019 - 20:16
tvsvizzera.it/Zz/ansa con RSI (RSINews e Il Quotidiano del 31.01.2019)
Contenuto esterno


Il Parlamento europeo ha deciso che il comune di Campione d'Italia e le acque italiane del lago di Lugano entreranno nello spazio doganale dell'Unione Europea, ma non vi verrà fatturata l'Iva. La Plenaria rispondeva a una richiesta avanzata da Roma nel luglio del 2017.

Ora manca solo l'ok finale del Consiglio dei ministri Ue per completare l'iter legislativo.

La deputata Lara Comi, del Partito popolare europeo, interpellata dalla Radiotelevisione svizzera, ha descritto l'accordo come un'opportunità, in un momento particolarmente difficile per Campione, in crisi dal fallimento del Casinò.

“L’obiettivo di mantenere l’esclusione dell’Iva serve ad aiutare Campione, che si trova in una situazione economica difficile e in un territorio geograficamente complicato – spiega Comi. "L’opportunità è quella per gli investitori e per gli imprenditori, che potrebbero investire a Campione d’Italia agevolati dall’esenzione dell’Iva. Speriamo anche nella riduzione delle accise, ma questo dipende da Roma”.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.