Navigation

Lanciata verso Marte la sonda cinese Tianwen 1

Una riproduzione del lander di Tianwen 1, esposta in un centro commerciale di Pechino. Keystone / Wu Hong

È stata lanciata giovedì verso Marte la sonda cinese Tianwen 1. Destinata a divenire il primo veicolo spaziale della Cina nell'orbita del pianeta rosso, ha l'obiettivo di studiare l'atmosfera marziana, la struttura interna e -con l'aiuto di un rover- la superficie del pianeta, con particolare attenzione alle tracce della presenza di acqua.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2020 - 19:10
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 23.07.2020)

Il lancio è avvenuto dalla base di Wengchang, sull'isola di Hainan. Ha segnato anche l'esordio del razzo Lunga Marcia 5. La Cina entra così nella nuova corsa a Marte, a tre giorni dal lancio della sonda Hope, 'speranza', degli Emirati Arabi Uniti. Fra circa una settimana è invece previsto il lancio del nuovo rover dell'agenzia statunitense NASA, il Perseverance.

La sonda Tianwen 1 ("domande al cielo" o  "ricerca della verità celeste", da un componimento in versi dell'antico poeta Qu Yuan) dovrebbe raggiungere Marte nel febbraio 2021 e per circa due anni terrestri osserverà il pianeta rosso da una distanza che oscillerà tra 265 e quasi 12'000 chilometri.

In cerca di vita

La missione prevede di portare sia un veicolo nell'orbita marziana, sia un rover dotato di 13 strumenti, il cui atterraggio è previsto nell'aprile 2021 nell'ampia pianura dell'emisfero settentrionale di Marte, Utopia Planitia, dove si pensa ci sia un lago sotterraneo di ghiaccio.

Contenuto esterno

Il veicolo di superficie, alimentato a energia solare e a sei ruote, pesa 240 chilogrammi e per almeno 90 giorni andrà in cerca di tracce di acqua e di eventuali segnali di forme di vita.

"100%" cinese

Quello di giovedì è il secondo lancio di un veicolo spaziale cinese verso Marte. Il primo risale al 2011, quando la sonda Yinghuo 1 andò perduta con il fallimento della missione russa Phobos-Grunt, che non riuscì a immettersi nella posizione corretta nell'orbita terrestre e la abbandonò rientrando nel Pacifico nel gennaio 2012.

Questa volta la missione è interamente cinese e si basa sull'esperienza accumulata nelle due missioni lunari, Chang'e 3 nel 2013 e Chang'e-4, che nel 2019 ha esplorato per la prima volta il lato nascosto del satellite.

Contenuto esterno

Esperti di diversi Paesi le forniranno comunque assistenza. L'Agenzia spaziale europea ESA ha messo a disposizione per le comunicazioni con la sonda la sua rete mondiale di stazioni di tracciamento.

L'Istituto francese di astrofisica e planetologia (IRAP) ha contribuito a sviluppare uno strumento per la spettroscopia laser installato sul rover, mentre l'Agenzia austriaca per la promozione della ricerca FFG ha contribuito al magnetometro della sonda.



Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?