Navigation

La Cina minaccia gli USA: chi offende Pechino verrà punito

Contenuto esterno

Gli Stati Uniti "non abbandoneranno il proprio impegno nei confronti di Taiwan": lo ha assicurato la speaker della Camera Usa Nancy Pelosi nel suo breve intervento introduttivo tenuto nell'incontro a Taipei con la presidente Tsai Ing-wen. Tsai, da parte sua, aveva poco prima detto di ritenere Pelosi "una autentica amica" di Taiwan, rimarcando che l'isola "è un partner affidabile degli Usa" e che "nessuna minaccia militare ci potrebbe far arretrare".

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2022 - 12:57
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

La presidente della Camera americana Nancy Pelosi ha completato la sua visita a Taiwan, aspramente criticata dalla Cina. Ora è in viaggio verrso la nuova tappa, Seul, in Corea del Sud.

La Cina ha reagito immediatamente: gli Stati Uniti, con la visita della speaker della Camera Nancy Pelosi a Taiwan, "violano la sovranità" della Cina e coloro che offendono Pechino verranno "puniti": così il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi.

La visita a Taiwan rende la Pelosi la personalità istituzionale Usa di più alto livello a recarsi nell'isola negli ultimi 25 anni, pur avendo causato le ire della Cina che ha definito la mossa una violazione della politica della Unica Cina e una "interferenza inaccettabile" negli affari interni della Cina.

Contenuto esterno


Per capire quali sono i motivi delle tensioni fra Cina e Taiwan, ecco una scheda esplicativa.

Contenuto esterno




 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?