Navigation

Catalogna, Rajoy chiede parole chiare

Contenuto esterno


Il governo spagnolo ha chiesto alla Catalogna se ha davvero dichiarato l’indipendenza. Un gesto cautelativo prima di attuare contromisure, riferito mercoledì dal premier Mariano Rajoy.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2017 - 13:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 11.10.2017)

Madrid vuole dunque capire e "ha chiesto formalmente alla Generalità di chiarire" se è stata proclamata l’indipendenza. "Vogliamo essere certi, prima di eventualmente mettere in atto le misure previste dall’articolo 155 della Costituzione spagnola".

"È urgente mettere fine alla situazione che si sta vivendo", ha aggiunto il premier, "tornando alla stabilità e alla tranquillità nel più breve tempo possibile. Serve procedere con prudenza e responsabilità".

Gli articoli della CostituzioneLink esterno spagnola che possono essere usati contro la Catalogna sono due, il 155 e il 116. Il primo consentirebbe di sospenderne l’autonomia, il secondo permette di istituire lo “stato di eccezione” in una parte del territorio dello Stato.

Per l’applicazione del 155Link esterno serve un via libera del Senato (dove il Partido popular di Rajoy ha la maggioranza assoluta) mentre per il 116Link esterno è necessaria l’approvazione del Congresso, dove il premier è minoritario.

End of insertion

La palla torna quindi a Carles Puigdemont, che ha firmato una dichiarazione unilaterale per trasformare la Catalogna in Repubblica, ma ha contemporaneamente chiesto al Parlamento catalano di sospenderne l’applicazione per trovare una soluzione negoziata.

"Credo sia giunto il momento di allentare la tensione", aveva detto martedì di fronte al legislativo, "e di fare un chiaro passo per rispondere all’esigenza del popolo catalano uscita dal referendum del primo ottobre".

Un popolo che resta diviso, ma con il fronte indipendentista un po’ meno euforico. "Sono un po’ delusa perché non è indipendenza subito", dichiara una sostenitrice. "Aspettiamo qualche settimana e parliamo con il governo spagnolo". "Non è una dichiarazione decisiva", ammette un altro. "Ma è comunque un passo importante".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.