Navigation

Vaccinati contagiati e contagiosi, ma...

Il vaccino non protegge al 100% Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

La variante Delta non risparmia i vaccinati, che trasmettono il virus allo stesso modo di chi non lo è: è la conclusione alla quale è giunto uno studio statunitense (che però non è ancora considerato definitivo e che sarà seguito da indagini su vasta scala) e che porta molte persone a dire che la vaccinazione non serva a molto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 agosto 2021 - 22:33
tvsvizzera.it/mrj

Si tratta però di un’interpretazione molto sommaria, hanno spiegato gli esperti dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). “Non bisogna dimenticare che il vaccino è efficace e protegge dall’infezione: la probabilità che un vaccinato sia infettato e contagioso è molto minore di quella che un non vaccinato sia infettato e contagioso”, spiega Virginie Masserey, capo della Sezione malattie infettive dell'UFSP.

Contenuto esterno

Questo significa che, essendo vaccinati, ci si infetta comunque in misura minore e si riducono così le possibilità di contagio. Un vantaggio per la collettività, quindi, resta. Come resta pure il vantaggio individuale: “Le persone vaccinate che si infettano con Delta si proteggono contro le complicazioni legate a questa malattia. Riducendone i rischi del 96%”. A precisarlo è lo specialista di malattie infettive dell'Università di Ginevra Alessandro Diana. 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.