Navigation

Turisti assediati dal Covid, nuove restrizioni in arrivo

Restrizioni per i turisti non solo a Mykonos. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Al culmine delle vacanze estive, come del resto si temeva, il Covid-19 sta rovinando i piani di molti turisti che si stanno apprestando a raggiungere – o vi sono già  – le agognate località del divertimento e dello svago.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2021 - 13:07
tvsvizzera.it/spal con agenzie

Proprio in molte di queste destinazioni stanno scoppiando focolai di coronavirus e l'incidenza delle infezioni tra i più giovani cresce vistosamente. 

In Europa tra di esse spiccano le Baleari e le isole greche dove proprio in questi giorni, nonostante l'evoluzione positiva delle campagne vaccinali nel continente, sono scattate nuove restrizioni sulla scia della contagiosa variante Delta.

Il caso Grecia

Di fronte a questa situazione, Atene ha deciso di inviare più agenti di polizia per intensificare i controlli anti-Covid-19, soprattutto nei locali frequentati dai più giovani a Mykonos, Ios e in altre rinomate destinazioni turistiche.

Proprio mercoledì il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), che aveva contrassegnato le isole dell'Egeo meridionale in rosso scuro sulla sua mappa Covid-19 per il repentino aumento delle infezioni, aveva sconsigliato i viaggi non necessari.

Sono già stati inviati 186 poliziotti a Mykonos mentre altri 30 agenti sono stati dispiegati a Ios. Il viceministro della protezione civile, Nikos Hardalias, ha riferito che le due isole sono "a un passo" da nuove restrizioni, mentre peggiora la situazione anche a Zante, Tinos, Lefkada, Santorini, Paros e Rodi.

A preoccupare sono soprattutto gli imprenditori locali che non sembrano voler rispettano le misure sanitarie volte a frenare la pandemia nei santuari della movida notturna. "Mentre gli hotel e i locali per famiglie stanno implementando diligentemente i protocolli, c'è più congestione di quanto vorremmo vedere nei bar, specialmente tra il pubblico più giovane", ha detto il ministro del turismo greco Haris Theoharis.

Ed è proprio nei giovani tra i 20 e 30 anni che i tassi di infezione sono aumentati nel paese ellenico, dove il turismo rappresenta quasi il 25% del prodotto interno lordo (Pil) e la stagione estiva era iniziata molto bene, dopo il crollo del 2020.

A sconvolgere i piani è stata la variante Delta: dopo aver promosso le isole Covid-free le autorità sono state costrette già all'inizio di luglio a imporre un coprifuoco e il divieto di musica a Mykonos mentre mercoledì scorso il ministro della protezione dei cittadini Michalis Chrisochidois ha avvertito che è solo questione di tempo prima che vengano imposte restrizioni analoghe a Ios.

Misure anche nel resto dell'Europa

Ma la Grecia non è un caso isolato in Europa: la Germania ha annunciato che a partire dal primo agosto sarà necessario presentare un test Covid negativo per entrare sul suo territorio (ad eccezione delle persone che possono dimostrare di essersi sottoposte a vaccinazione completa o l'avvenuta guarigione e dei bambini sotto i 12 anni).

Infezioni in aumento anche in Spagna dove Baleari, Catalogna, Comunità Valenciana, Navarra e Galizia hanno adottato restrizioni nei locali.

Cifre in aumento pure in Italia dove vengono segnalati diversi focolai in luoghi di vacanza e tre regioni - Sicilia, Sardegna e Lazio - rischiano seriamente di passare a breve in "zona gialla".

E il Regno Unito, dove sono tornati a scendere sotto quota 30'000 i nuovi contagi giornalieri, ha confermato che chi proviene dalla Francia resterà escluso, anche se vaccinato, dall'esenzione della quarantena prevista per i viaggiatori Ue e Usa che hanno ricevuto la doppia dose.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.