Navigation

Osaka trema, tre morti e centinaia di feriti

È di tre morti e quasi 100 feriti il bilancio di un terremoto verificatosi stamattina nell'area di Osaka, con una magnitudo che i sismologi locali hanno rivisto al rialzo a 6.1, dopo aver parlato inizialmente di 5.3.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2018 - 11:37
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


La violenza del sisma ha causato l'interruzione del servizio dei treni veloci Shinkansen, la cancellazione di sei voli aerei da e per l'aeroporto del Kansai, la sospensione della fornitura di gas a 108 mila abitazioni nelle prefettura di Osaka, mentre fino a 107 mila case hanno registrato blackout momentanei con l'interruzione di energia elettrica.

Il terremoto odierno segue quello registrato ieri nella prefettura di Gunma, a nord di Tokyo. I sismologi avvertono che si tratta della maggiore attività sismica dal 1923 nell'area del Kansai, dove è localizzata Osaka, la seconda città del Giappone per numero di abitanti.

Il sindaco di Osaka si scusa

"Il governo giapponese farà qualsiasi cosa per ridurre gli effetti sulla popolazione del potente terremoto che ha colpito la città di Osaka". Lo ha detto il premier nipponico Shinzo Abe alla stampa, ribadendo che l'esecutivo si concentrerà sulla salute delle persone, compilerà una stima più accurata possibile sui danni, e manterrà la popolazione informata.

Abe ha aggiunto che l'esecutivo lavorerà a stretto contatto con le municipalità per assicurarsi che tutte le risorse disponibili vengano impiegate. Nel frattempo anche il sindaco di Takatsuki, Takeshi Hamada, si è scusato per la morte della bambina di 9 anni, travolta dal crollo di un cornicione di 40 metri da un edificio che ospitava la piscina scolastica, spiegando che il comune è da considerarsi responsabile dell'incidente. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.