La televisione svizzera per l’Italia

Svizzera e Italia continuano a contendersi il personale infermieristico

fotografati di spalle un infermiera tiene sotto il braccio un(a) paziente anziano/a
Infermiere e infermieri lombardi preferiscono lavorare all'estero. Keystone / Sebastian Gollnow

Infermiere e infermieri lombardi preferiscono lavorare all’estero poiché le condizioni di lavoro in patria non sono soddisfacenti.  

Il personale infermieristico lombardo preferisce lavorare all’estero perché in Lombardia manca personale e quindi la mole di lavoro è grande, ma i salari sono bassi. Per questo motivo molte persone scelgono di lavorare in Svizzera, dove i salari sono tre volte più alti (circa 4’500 franchi contro i 1’500 euro percepiti in Italia). Una situazione che ha portato i vertici sanitari lombardi a lanciare l’allarme: bisogna invertire la rotta, dicono. 

“In Lombardia mancano 9-10’000 infermieri per poter coprire il fabbisogno rispetto alla percentuale tra infermieri e cittadini”, ha detto ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI Aurelio Filippini dell’Ordine delle professioni infermieristiche della Lombardia. Se si recuperassero i 6-7’000 che lavorano all’estero, aggiunge, il problema sarebbe risolto.  

Per Aurelio Filippini, per trattenere un maggior numero di lavoratori e lavoratrici in Italia”sarebbe il caso d’intervenire con qualche incentivo e benefit stabile nel tempo”, come per esempio dei buoni per la benzina o per la spesa. Se non si possono aumentare gli stipendi, insomma, bisogna almeno cercare di farli valere di più.  

Inoltre, una cosa che manca molto, sottolinea, sono le borse di studio: “Siamo professionalmente – come livello di base – molto elevati. È però richiesto un costante approfondimento. Le professioni della sanità hanno bisogno di professionisti preparati.”   

Nel canton Ticino, che impiega una grande maggioranza del personale infermieristico lombardo che rinuncia a lavorare in patria, però, la situazione non è rosea: secondo l’Associazione svizzera degli infermieri e delle infermiere (ASI), sezione Ticino, se venissero a mancare la forza lavoro frontaliera questa non farebbe che peggiorare. 

“Due terzi delle infermierein Svizzera abbandonano la professione precocemente. E spesso queste persone hanno meno di 35 anni”, spiega Roberto Guggiari dell’ASI Ticino. Un chiaro segnale della situazione di questo mestiere. Bisogna ora trovare delle soluzioni perché si va incontro a una penuria entro il 2030, “ma siamo già su questa strada”.  

Soluzioni, in parte, contenute nell’applicazione – ancora incompleta –  dell’iniziativa per cure infermieristiche fortiCollegamento esterno approvata dal popolo svizzero due anni fa e che potrebbero in un certo senso frenare le infermiere e gli infermieri lombardi dall’immaginare un ipotetico ritorno in Italia. “Anche per le opportunità di formazione che hanno”, aggiunge Guggiari.  


Attualità

Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR