La televisione svizzera per l’Italia

Svizzera e Italia continuano a contendersi il personale infermieristico

fotografati di spalle un infermiera tiene sotto il braccio un(a) paziente anziano/a
Infermiere e infermieri lombardi preferiscono lavorare all'estero. Keystone / Sebastian Gollnow

Infermiere e infermieri lombardi preferiscono lavorare all’estero poiché le condizioni di lavoro in patria non sono soddisfacenti.  

Il personale infermieristico lombardo preferisce lavorare all’estero perché in Lombardia manca personale e quindi la mole di lavoro è grande, ma i salari sono bassi. Per questo motivo molte persone scelgono di lavorare in Svizzera, dove i salari sono tre volte più alti (circa 4’500 franchi contro i 1’500 euro percepiti in Italia). Una situazione che ha portato i vertici sanitari lombardi a lanciare l’allarme: bisogna invertire la rotta, dicono. 

“In Lombardia mancano 9-10’000 infermieri per poter coprire il fabbisogno rispetto alla percentuale tra infermieri e cittadini”, ha detto ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI Aurelio Filippini dell’Ordine delle professioni infermieristiche della Lombardia. Se si recuperassero i 6-7’000 che lavorano all’estero, aggiunge, il problema sarebbe risolto.  

Per Aurelio Filippini, per trattenere un maggior numero di lavoratori e lavoratrici in Italia”sarebbe il caso d’intervenire con qualche incentivo e benefit stabile nel tempo”, come per esempio dei buoni per la benzina o per la spesa. Se non si possono aumentare gli stipendi, insomma, bisogna almeno cercare di farli valere di più.  

Inoltre, una cosa che manca molto, sottolinea, sono le borse di studio: “Siamo professionalmente – come livello di base – molto elevati. È però richiesto un costante approfondimento. Le professioni della sanità hanno bisogno di professionisti preparati.”   

Nel canton Ticino, che impiega una grande maggioranza del personale infermieristico lombardo che rinuncia a lavorare in patria, però, la situazione non è rosea: secondo l’Associazione svizzera degli infermieri e delle infermiere (ASI), sezione Ticino, se venissero a mancare la forza lavoro frontaliera questa non farebbe che peggiorare. 

“Due terzi delle infermierein Svizzera abbandonano la professione precocemente. E spesso queste persone hanno meno di 35 anni”, spiega Roberto Guggiari dell’ASI Ticino. Un chiaro segnale della situazione di questo mestiere. Bisogna ora trovare delle soluzioni perché si va incontro a una penuria entro il 2030, “ma siamo già su questa strada”.  

Soluzioni, in parte, contenute nell’applicazione – ancora incompleta –  dell’iniziativa per cure infermieristiche fortiCollegamento esterno approvata dal popolo svizzero due anni fa e che potrebbero in un certo senso frenare le infermiere e gli infermieri lombardi dall’immaginare un ipotetico ritorno in Italia. “Anche per le opportunità di formazione che hanno”, aggiunge Guggiari.  


Attualità

adesivi che indicano direzioni in tedesco e ucraino

Altri sviluppi

Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato al Due mozioni parlamentari chiedono che le condizioni e le regole riguardanti lo statuto di protezione S concesso alle rifugiate e ai rifugiati ucraini vengano inasprite per evitare abusi.

Di più Statuto S per rifugiati ucraini, giro di vite per contrastare gli abusi
bandiera svizzera

Altri sviluppi

Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli economisti di UBS, la Svizzera presenta una vulnerabilità superiore alla media agli shock geopolitici, ma nel contempo il Paese ha imparato anche a far fronte ai relativi rischi.

Di più Svizzera molto vulnerabile agli shock geopolitici
confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR