Navigation

Dal deserto e i barconi al ghiaccio del curling

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2018 - 22:16
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 24.2.2018)

Sei immigrati africani, quattro del Gambia e due della Sierra Leone, sono protagonisti di una storia singolare in Piemonte.

Questi profughi partecipano infatti a un progetto di integrazione a Pinerolo che li vede impegnati ad allenarsi assiduamente con i sassi e le scope del curling.

Al momento i richiedenti asilo, che fino a qualche mese fa non sapevano neanche dell’esistenza di questa disciplina “nordica”, non possono partecipare a nessun campionato. La Federazione infatti vieta la composizione di squadre formate unicamente da stranieri.

Ma un giorno magari i sei giovani africani potranno coronare il sogno come le loro colleghe nigeriane che sono riuscite ad andare a un’olimpiade e proprio in questi giorni hanno gareggiato a Pyeongchang nel bob a due.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.