Navigation

Baran, una vita per la motocicletta

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 29 maggio 2017 - 11:15
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 28.5.2017)

In Iran le donne non potrebbero andare in moto. Sfidando il regime e un padre ufficiale dell’esercito, Baran, 31 anni, ha però deciso di dedicarsi a tempo pieno alla sua passione, diventando motociclista professionista. Il reportage della Radiotelevisione svizzera

In tutto l’Iran, sono solo sei le motocicliste professioniste. Baran è una di loro. Per parecchio tempo è andata in modo di nascosto. Dieci mesi fa, però, la federazione iraniana di motociclismo ha stabilito che le donne potevano correre almeno su pista.

Anche nel mondo del lavoro le cose stanno impercettibilmente cambiando nella Repubblica islamica. Azadeh Sepasgozar ha fondato una ditta attiva nell’informatica nel 2003. “La legge non mi vietava di dirigere un’impresa, ma gli uomini non accettavano che una donna potesse avere un ruolo di responsabilità”, afferma. “Oggi la diffidenza rimane, ma il contesto è diverso, perché molte altre donne hanno preso coraggio”.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.