La televisione svizzera per l’Italia

Sarà Sergio Ermotti a guidare la “grande” UBS

Sergio Ermotti.
Ermotti, 63 anni a maggio, ha già diretto UBS dal 2011 al 2020, dopo un'esperienza a Unicredit. © Keystone / Ennio Leanza

Dopo aver acquisito Credit Suisse per evitarne il fallimento, UBS ha ora richiamato il banchiere ticinese, già amministratore delegato dal 2011 al 2020. 

Il manager luganese Sergio Ermotti torna alla testa di UBS. A capo della prima banca svizzera fino al 2020, il ticinese assumerà nuovamente il ruolo di amministratore delegato (Ceo) in occasione della prossima assemblea generale prevista per il 5 aprile, succedendo così all’olandese Ralph Hamers.

Il servizio del TG odierno:

Contenuto esterno

Dopo un drammatico fine settimana di colloqui con le autorità di regolamentazione e il Governo, il 19 marzo, UBS ha accettato di acquisire il Credit Suisse per 3 miliardi di franchi. L’importante e, per certi versi inaspettato, cambiamento degli eventi ha portato a un rimpasto ai vertici di quella che già era la prima banca elvetica, ossia UBS.

+ La mega banca UBS è un male per la Svizzera?

Stando a una nota odierna, Hamers ha accettato di dimettersi per servire gli interessi della nuova combinazione, ossia il gruppo risultante dall’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS, il settore finanziario elvetico e il Paese. “Le circostanze sono cambiate in modi che nessuno di noi si aspettava”, ha detto Hamers. “Mi faccio da parte nell’interesse della nuova entità e del Paese”.

Altri sviluppi
titoli di giornale

Altri sviluppi

UBS-Credit Suisse, tutto il mondo reagisce (con stupore)

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo l’acquisizione lampo di Credit Suisse da parte di UBS, i quotidiani esteri cercano il motivo che ha spinto la seconda banca elvetica al tracollo.

Di più UBS-Credit Suisse, tutto il mondo reagisce (con stupore)

Hamers rimarrà in seno a UBS e lavorerà a fianco di Sergio Ermotti come consulente durante un periodo di passaggio per assicurare una chiusura positiva della transazione e un trasferimento senza intoppi.

“Il consiglio di amministrazione (Cda) ha preso la decisione alla luce delle nuove sfide e priorità che UBS deve affrontare dopo l’annuncio dell’acquisizione”, ha dichiarato oggi la stessa banca in un comunicato.

L’analisi del professore di diritto bancario Carlo Lombardini:

Contenuto esterno

“Dobbiamo evitare che i contribuenti soffrano”

“Sono molto onorato di guidare questa transizione”, ha invece asserito Ermotti in una conferenza stampa indetta oggi a Zurigo. “È un compito impegnativo e urgente. Saremo in grado di portare a termine questa acquisizione e di essere parte della soluzione, piuttosto che del problema”.

“Sono consapevole della responsabilità che ci attende”, ha proseguito il dirigente. “Dobbiamo evitare che i contribuenti svizzeri soffrano. Sono convinto che con una forte concentrazione possiamo soddisfare le esigenze dei nostri dipendenti, degli azionisti e della società svizzera. Non vedo l’ora di affrontare questo compito”.

Reazione positiva dei mercati

Il “grande ritorno” di Ermotti ha scatenato una reazione positiva da parte dei mercati: nei primi scambi alla borsa di Zurigo, il titolo della banca è salito del 2,6%. Ma la nomina del 62enne si riflette anche sul corso di Credit Suisse, al +2,4%.

Ermotti, che è già stato amministratore delegato (Ceo) di UBS per nove anni, dal settembre 2011 all’ottobre 2020, per rilanciare una banca che cercava una nuova identità dopo aver rischiato di fallire sulla scia della crisi finanziaria del 2008, subentrerà il 5 aprile ad Hamers, arrivato appena dopo il dirigente ticinese. Per adempiere all’incarico, Ermotti lascerà la presidenza della società di riassicurazioni Swiss Re (oggi a +0,1%).

Il servizio del TG sui mercati:

Contenuto esterno

L’incarico precedente da UBS

Stando agli osservatori, Ermotti ha fatto molte cose giuste durante il suo primo incarico alla guida di UBS. Quando è entrato in servizio la banca era indebolita dalla crisi finanziaria e da uno scandalo: un trader di UBS aveva causato una perdita di 2,3 miliardi di franchi, un incidente che aveva portato alle dimissioni dell’allora numero uno Oswald Grübel.

Altri sviluppi
loghi ubs e credit suisse

Altri sviluppi

UBS acquista Credit Suisse per tre miliardi di franchi

Questo contenuto è stato pubblicato al La banca svizzera viene rilevata dalla sua storica rivale. Evitato un tracollo che avrebbe messo in difficoltà le piazze finanziarie internazionali.

Di più UBS acquista Credit Suisse per tre miliardi di franchi

In questa situazione, il consiglio di amministrazione – all’epoca ancora guidato dall’ex consigliere federale Kaspar Villiger – affidò a Ermotti le sorti della società, prima ad interim, poi, due mesi dopo, con il mandato pieno. Il dirigente, proveniente dall’italiana Unicredit,  ha quindi avviato la trasformazione di UBS in un gestore patrimoniale di primo piano. Molte aree della banca d’investimento, che prima portavano a UBS alti profitti, ma in alcuni casi anche enormi perdite, sono state smantellate o vendute.

Soprattutto, Ermotti si è rapidamente separato dall’attività obbligazionaria, che aveva quasi significato il tracollo della banca durante la crisi finanziaria. Parallelamente allo smantellamento dell’investment banking, UBS ha ampliato la propria forza patrimoniale, tanto che oggi è ben posizionata ed è una delle grandi banche meglio capitalizzate e quindi più sicure al mondo.

L’intervista profetica

In un’intervistaCollegamento esterno rilasciata al quotidiano Neue Zürcher Zeitung nel mese di novembre, Ermotti aveva affermato che la Svizzera non ha bisogno di due grandi banche internazionali per prosperare.

“La forza della piazza finanziaria del Paese sta nella sua diversificazione, che è molto più importante del numero di grandi banche presenti”, disse all’epoca.

Il passaggio da Swiss Re

Il banchiere ticinese era diventato presidente del consiglio di amministrazione del riassicuratore Swiss Re nell’aprile 2021.

Il Cda di quello che è uno dei principali fornitori mondiali di assicurazione, riassicurazione e altre forme di trasferimento del rischio basate sull’assicurazione, avvierà la ricerca di un successore, si legge in una nota odierna.

In previsione della transizione, Swiss Re ha nominato il belga Jacques de Vaucleroy, che fa parte del Cda dal 2017, come vicepresidente, a condizione che venga rieletto. De Vaucleroy manterrà la posizione fino all’elezione di un nuovo presidente nel corso di un’assemblea generale straordinaria.

Contenuto esterno


Attualità

Tino Chrupalla,

Altri sviluppi

L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Alternative für Deutschland è stato espulso dal gruppo che riunisce, tra gli altri, la Lega e il Rassemblement National di Marine Le Pen. Il partito di estrema destra tedesco è finito sotto i riflettori per una serie di scandali.

Di più L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo
uomo

Altri sviluppi

Il direttore dell’AIEA Rafael Grossi in visita in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Il ministro dell'economia Guy Parmelin ha incontrato giovedì il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) Rafael Grossi. Al centro dei colloqui la situazione delle centrali nucleari nel mondo e in Europa in particolare.

Di più Il direttore dell’AIEA Rafael Grossi in visita in Svizzera
facciata di un edificio

Altri sviluppi

Due sorelle condannate per essersi unite allo Stato islamico

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale penale federale (TPF) ha condannato giovedì due sorelle domiciliate nel Canton Vaud a pene detentive con la condizionale per essersi recate, con il figlio minorenne di una delle due, in Siria nel 2015 per unirsi all'organizzazione terroristica dello Stato islamico (Isis).

Di più Due sorelle condannate per essersi unite allo Stato islamico
donna

Altri sviluppi

Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza

Questo contenuto è stato pubblicato al La più alta istanza giudiziaria svizzera ha accolto un ricorso presentato contro l'elezione nel Parlamento cantonale di Zurigo di una esponente del Partito verde liberale, passata a quello liberale radicale meno di due settimane dopo il voto.

Di più Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza
Benjamin Netanyahu.

Altri sviluppi

Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite

Questo contenuto è stato pubblicato al In Israele il gabinetto di guerra ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti da Hamas e un cessate il fuoco a Gaza.

Di più Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite
Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR