Navigation

Viaggio nella Cina delle donne imam

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2017 - 15:11
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 4.12.2017)

L’Islam in Cina ha assunto connotati del tutto originali tanto da renderlo un fenomeno unico all’interno della galassia musulmana.

È il caso delle donne imam che costituiscono un’autorità all’interno di comunità nelle quali il ruolo del cosiddetto sesso debole resta marginale nella vita pubblica.

Nella provincia centrale di Henan una moschea solo per donne, in cui opera un’imam che oltre a presiedere le funzioni religiose, si dedica allo studio e all’insegnamento.

Una situazione che ha le sue radici storiche nel XVII secolo, quando vennero creati gruppi di predicazione dell’Islam, includendo i soggetti femminili, per contrastare la diminuzione di fedeli di Maometto. Una tradizione che non è stata scalfita nemmeno dalla Rivoluzione culturale maoista. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.