Razzisti in marcia Niente scontri al corteo suprematista di Washington


È finita in un mezzo fiasco la tanto temuta marcia suprematista a Washington. 

Erano infatti solo poche decine – meno di una trentina secondo alcune fonti al posto dei circa 400 attesi - i cultori della razza bianca giunti da Vienna (Virginia) e scortati da un massiccio schieramento di forze dell'ordine lungo il tracciato che li ha portati dalla stazione a Lafayette Square.

Nei pressi della casa Bianca. Il corteo "Unite the rights 2", organizzato a un anno dagli scontri di Charlottesville, è stato accolto da proteste provenienti dalla contromanifestazione degli antirazzisti che hanno ripetutamente urlato "Nazi go home".

Ad attendere i suprematisti vi erano infatti migliaia di persone confluite in diversi presidi fin dall'alba.

La polizia, a differenza di quanto avvenuto un anno prima a Charlottesville, è riuscita a tenere separate le due manifestazioni e qualche attimo di tensione si è avuto solo in occasione della marcia degli autonomi del gruppo "Antifa" dal quale sono stati lanciati alcuni oggetti e fumogeni, senza arrivare però al contatto fisico. 

  

Parole chiave