La televisione svizzera per l’Italia

Nell’evacuazione del Palazzo federale ci si è dimenticati di qualcuno

Palazzo federale.
L'allarme bomba a Berna è stato lanciato martedì. Keystone

Nel corso dell'allarme bomba lanciato martedì a Berna e dell'operazione di sicurezza che ne è seguita, la presidente della Camera alta Brigitte Häberli-Koller è rimasta nel suo ufficio poiché non era stato fatto suonare l'allarme.

Dopo l’evacuazione del Palazzo federale messa in atto martedì, a causa del fermo di un uomo che aveva un “comportamento sospetto”, il capo della sicurezza del Parlamento Andreas Wortmann ammette di aver commesso diversi errori durante l’operazione. Tra questi, l’omissione della Presidente del Consiglio degli Stati.

“Questo è stato sicuramente l’errore più grande che devo rimproverarmi”, afferma.

Häberli-Koller
Brigitte Häberli-Koller. © Keystone / Alessandro Della Valle

La “senatrice” turgoviese Brigitte Häberli-Koller (Centro) stava lavorando nel suo ufficio mentre il resto dell’edificio veniva evacuato. Nel trambusto, è stata dimenticata, ha ammesso Wortmann oggi nelle testate del gruppo svizzero-tedesco CH Media.

Sul momento la donna non si è preoccupata, poiché nel suo ufficio non è suonato alcun allarme, dato che la squadra di sicurezza, per evitare il panico, si era astenuta dal dare l’allarme in alcune parti del Palazzo federale. La questione sarà riesaminata, ha dichiarato il capo della sicurezza.

Intanto, ieri sera c’è stato un nuovo allarme, poi rivelatosi falso, il contributo del TG odierno:

Contenuto esterno

Wortmann ha affermato di comprendere le critiche mosse nei giorni scorsi da diversi parlamentari, che hanno dichiarato di non essersi sentiti al sicuro mentre si trovavano riuniti all’esterno. Ha tuttavia affermato che nessuno, a parte la polizia, si è mai trovato nell’area transennata.

Evacuazione “disordinata” ma “sicura”

Per quanto riguarda la lunga attesa per uscire dall’ala sud, il funzionario è categorico: “La nostra massima è stata: dobbiamo evacuare immediatamente il lato nord”. Se una bomba fosse esplosa sulla Piazza federale i membri del Parlamento sarebbero stati al sicuro, ha detto.

Anche se è ancora troppo presto per trarre lezioni concrete, “molte cose possono essere migliorate”, ha asserito il capo della sicurezza. Ad esempio, il concetto stesso di sicurezza avrebbe dovuto includere una persona di contatto per informare i parlamentari sulla procedura. A causa dell’evacuazione “immediata”, questo non è stato possibile, ha detto Wortmann.

“È stata un’evacuazione disordinata, ma le persone erano in sicurezza”, ha detto. La cosa più importante per lui è che lui e il suo team sono riusciti a evacuare le persone dai luoghi più pericolosi in pochi minuti.

Il servizio del TG della RSI andato in onda martedì:

Contenuto esterno


Attualità

confezioni di cereali

Altri sviluppi

Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé

Questo contenuto è stato pubblicato al Public Eye ha chiesto alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) di trascinare davanti alla giustizia Nestlé, rea secondo l'organizzazione non governativa di vendere prodotti per l'infanzia con zucchero aggiunto nei Paesi a basso reddito.

Di più Troppo zucchero nei prodotti per l’infanzia, ONG chiede alla Svizzera di agire contro Nestlé
Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro, Thomas Aeschi, si è azzuffato mercoledì mattina con agenti di polizia armati, di guardia a Palazzo federale.

Di più Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale
Françoise Hardy

Altri sviluppi

È morta Françoise Hardy

Questo contenuto è stato pubblicato al La cantante e attrice francese, icona degli anni Sessanta, è morta martedì all'età di 80 anni.

Di più È morta Françoise Hardy
Hunter Biden

Altri sviluppi

Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato al Un tribunale del Delaware ha condannato il figlio del presidente statunitense per aver violato le leggi che vietano alle persone con una dipendenza da droghe illegale di possedere armi da fuoco. La pena massima è di 25 anni di prigione, ma essendo incensurato è probabile che non finirà dietro alle sbarre.

Di più Hunter Biden condannato per possesso illegale di un’arma da fuoco
emmanuel macron

Altri sviluppi

Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato al In vista delle elezioni anticipate convocate per il 30 giugno, il presidente francese ha invitato le forze repubblicane a lavorare assieme per contrastare l'avanzata dell'estrema destra, uscita vittoriosa dalle europee.

Di più Macron lancia un appello alle forze moderate per fare fronte comune
persone che manifestano

Altri sviluppi

Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha approvato mercoledì una dichiarazione non vincolante che invita il Governo a non dar seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più Il Parlamento svizzero critica la sentenza della CEDU sul clima
Zelensky e Scholz a Berlino.

Altri sviluppi

A Berlino il terzo vertice per la ricostruzione dell’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al Oltre duemila persone si sono riunite nella capitale tedesca per dibattere sulla strategia migliore per consentire la rinascita del paese distrutto dal conflitto in corso.

Di più A Berlino il terzo vertice per la ricostruzione dell’Ucraina

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR