Navigation

Marocco. Non solo deserto

di Stefano Paolo Giussani

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 maggio 2015 - 11:36

Il padiglione del Marocco sposa in pieno forme e colori della tradizione locale. Chiunque sia stato nel paese al limite occidentale del Maghreb, ne riconosce il carattere già a partire dalla matericità delle pareti dell'edificio affacciato al braccio corto del decumano. Il percorso di visita inizia sotto il ritratto del re Mohammad VI e si snoda tra le ombre di stanze profumate.

Alberi e frutti

Il primo ambiente è l'unico ad essere avvertito come un estraneo, forse un po' troppo psichedelico rispetto alla raffinatezza degli spazi successivi. Alberi serigrafati sulle pareti dialogano con piante vere accompagnate dai loro frutti, mentre le fotografie d'autore alternano ritratti di volti marocchini a mani che porgono prodotti della tradizione locale. Atmosfere di Mediterraneo, Oceano, Atlante e Sahara accompagnano il visitatore tra arance, pomodori, capperi, olive, miele, alghe, fiori essiccati in un ambiente che con la sua efficace semplicità si distingue con forza dagli altri padiglioni arabi.

I sapori del mulino

Le sorprese non finiscono con il bazar al termine del percorso. All'esterno, un aranceto e un sentiero tra piante di menta e ulivi fronteggiano il bistrot con il mulino ad acqua. Anche le pietanze sono creazioni di un rinomato chef locale. In questo modo, il Marocco è davvero dietro l'angolo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.