Navigation

Uccisa con una bomba una giornalista a Malta

È stata uccisa da una bomba piazzata sulla sua auto Daphne Caruana Galizia, la giornalista investigativa maltese che aveva messo in imbarazzo il governo Muscat con scoop sui legami con il regime azero e accuse di corruzione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2017 - 11:56
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


La cronista, 53 anni, è salita a bordo della Peugeot 108 che aveva preso in affitto intorno alle tre del pomeriggio, a due passi da casa, a Bidnija: mezz'ora prima aveva pubblicato l'ultimo articolo sul suo blog, "Running Commentary", che si concludeva con la frase "ci sono criminali ovunque si guardi, la situazione è disperata". Poi il boato, un'esplosione violenta che ha incendiato il mezzo. Il cadavere "era irriconoscibile", hanno riferito gli agenti di polizia arrivati sul posto.

Keystone

Il premier maltese Joseph Muscat ha denunciato un "attacco barbaro": "Tutti sanno quanto Galizia fosse critica nei miei confronti, ma nessuno può giustificare questo atto barbaro". Il premier ha fatto appello all'unità nazionale e promesso che non avrà pace "finché non verrà fatta giustizia".

Minacce di morte

La cronista, 15 giorni fa, aveva depositato una denuncia dopo aver ricevuto minacce di morte. Galizia aveva iniziato la professione scrivendo per il "Sunday Times of Malta" e successivamente per il "The Malta Independent". Qualche anno fa l'idea di lanciare un blog dal quale sono partite bordate contro il governo e "l'altra economia dell'isola", divenuta un vero e proprio paradiso fiscale, tanto da meritarsi l'appellativo di "Panama del Mediterraneo".

Accuse al premier Muscat

Lo scorso aprile, sul blog, accusa la moglie di Muscat, Michelle, di essere la proprietaria di "Egrant", la terza compagnia panamense citata nei Panama Papers. Spuntano finanziamenti per milioni di euro e legami sospetti con il regime azero di Ilham Aliyev. La vicenda porta a elezioni anticipate. Muscat nega tutto e viene rieletto. Galizia allora sposta la propria attenzione su Adrian Delia, il leader del partito nazionalista maltese, accusandolo di aver fatto l'avvocato per una compagnia maltese basata a Londra che era finita nelle maglie di un'inchiesta per corruzione.

Il premier ora ha annunciato un'inchiesta a cui parteciperà anche l'Fbi statunitense.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.